Vietato mettersi al volante se si è disidratati: è pericoloso quanto essere ubriachi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Non guidate in caso di… sete! Proprio così: se siete al volante e siete assetati come cammelli, correte lo stesso rischio di chi è ubriaco. Avere la gola secca mentre si guida, in pratica, può essere pericoloso quanto guidare dopo aver bevuto troppo alcol.

Questa singolare scoperta arriva da uno studio dell’inglese Loughborough University, secondo cui la disidratazione fa calare di molto l’attenzione degli automobilisti al pari di chi è sbronzo e li porta a fare lo stesso numero di errori. Distrazione, sonnolenza e mancanza di prontezza di riflessi: questi gli effetti di una disidratazione, che potrebbe risultare fatale per chi guida.

IL TEST – I ricercatori inglesi hanno sottoposto a dei test specifici 12 automobilisti di sesso maschile, che hanno dovuto utilizzare un simulatore di guida quando erano idratati con 200 millilitri di acqua ogni ora, per poi ripetere l’esperimento dopo aver bevuto soltanto 25 millilitri d’acqua all’ora. Nei primi test, quando erano idratati sufficientemente, i partecipanti hanno commesso in media 47 errori alla guida, mentre, se assetati, il numero è aumentato fino a 101 errori a testa, più o meno lo stesso rilevato in chi si mette al volante dopo aver dormito troppo poco o aver alzato troppo il gomito.

Tutti noi stiamo attenti a non metterci alla guida se abbiamo bevuto, ma di solito non pensiamo agli effetti di altre cose che possono influenzare le nostre abilità di guida, e una di queste è proprio la disidratazione“, spiega il coordinatore dello studio, Ron Maughan.

Insomma, non c’è dubbio che la guida sotto l’effetto di bevande o farmaci aumenti il rischio di incidenti, ma i risultati di questa analisi evidenziano un pericolo finora mai pensato e suggeriscono che i guidatori dovrebbero fare in modo di essere sempre adeguatamente idratati. Non bere acqua a sufficienza può ridurre la reattività del cervello, la concentrazione e può essere responsabile di mal di testa, debolezza, vertigini, palpitazioni e ansia.

Gira e rigira, insomma, l’assunto valido per tutt* è sempre quello: bere tanto e tenersi idratati è un buon punto di partenza per tenere cura della nostra pelle e della nostra salute. E per ingranare la marcia giusta, in tutti i sensi.

Germana Carillo

LEGGI anche:

Acqua: quanta berne, quando e con che residuo fisso?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook