Acqua sempre più scarsa: 40% in meno nel 2030

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Non c’è più acqua. Il pianeta si troverà ad affrontare un deficit del 40% nella fornitura di acqua entro il 2030, a meno che non miglioreremo notevolmente la gestione di questa preziosa risorsa. Altrimenti diremo addio a gran parte dell’oro blu nei prossimi 15 anni a causa dell’urbanizzazione, della crescita della popolazione e dell’aumento della domanda per la produzione alimentare, l’energia e l’industria.

Questa è la conclusione a cui giunge in occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua, che si terrà domenica, il report 2015 delle Nazioni Unite World Water Development. Lo scenario futuro è disarmante: entro il 2050 i due terzi della popolazione mondiale vivrà in città e la domanda di acqua aumenterà del 55 per cento, soprattutto per esigenze legate alla crescente urbanizzazione nei paesi in via di sviluppo.

Un esempio è l’Africa subsahariana, dove l’urbanizzazione – spesso non pianificata – si sta sviluppando più rapidamente. Qui la percentuale di persone che hanno acqua corrente è scesa al 34 per cento, dal 42 per cento dal 1990.

wwd

Entro il 2050 il mondo dovrà produrre il 60 per cento in più di cibo e la domanda globale di acqua per l’industria dovrebbe aumentare del 400 per cento. La popolazione in crescita avrà bisogno anche del 70 per cento in più di energia (ed è necessaria acqua anche per la sua produzione, in quasi tutte le forme).

“C’è già un consenso a livello internazionale sul fatto che l’acqua e i servizi igienico-sanitari siano essenziali per il raggiungimento di molti obiettivi di sviluppo sostenibile. Essi sono inestricabilmente legati a cambiamento climatico, all’agricoltura, alla sicurezza alimentare, alla salute, all’energia, all’uguaglianza, al sesso e all’educazione. Ora dobbiamo guardare avanti e misurare, monitorare e implementare l’acqua“, afferma Michel Jarraud, presidente di UN-Water e Segretario generale dell’Organizzazione meteorologica mondiale.

Per leggere il rapporto clicca qui

Roberta Ragni

Leggi anche:

Come risparmiare acqua in casa: i consigli degli esperti

Regioni Imbottigliate: il business dell’acqua in bottiglia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook