Il libro che rende l’acqua potabile funziona davvero

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un libro le cui pagine possono filtrare l’acqua e renderla potabile. Si chiama “Drinkable book”, ne avevamo parlato qualche tempo fa e ora ne è stata dimostrata l’efficacia nei primi test sul campo. il “libro da bere” unisce carta trattata con informazioni stampate su come e perché l’acqua deve essere filtrata.

Le sue pagine contengono nanoparticelle di argento o rame, che uccidono i batteri presenti nell’acqua che vi passa attraverso. Negli studi su 25 fonti di acqua contaminata in Sud Africa, Ghana e Bangladesh, la carta ha rimosso con successo oltre il 99% dei batteri. I livelli di contaminazione che ne risultano sono dunque simili all’acqua di rubinetto degli Stati Uniti.

I risultati sono stati presentati al 250imo meeting nazionale dell’American Chemical Society, a Boston. Teri Dankovich , ricercatore della Carnegie Mellon University di Pittsburgh, che ha sviluppato e testato la tecnologia del libro, ha spiegato alla BBC:

“La tecnologia è pensata per le comunità dei paesi in via di sviluppo, dove 663 milioni di persone non ha accesso diretto all’acqua potabile. Tutto quello che bisogna fare è strappare un foglio di carta, metterla su un supporto come un filtro e versarvi attraverso l’acqua di fiumi, torrenti e pozzi. Se ne ricava acqua pulita senza batteri”.

Secondo i test, ogni pagina è in grado di purificare fino a 100 litri d’acqua. Un solo libro, quindi, sarebbe in grado di filtrare l’intero approvvigionamento idrico di una persona per quattro anni. Le istruzioni sono stampate sulle pagine del libro, in inglese e nella lingua locale.

libro bere

Ora Dankovich e colleghi sperano di aumentare la produzione della carta, che attualmente viene fatta a mano. È arrivato il momento di trasformare “Drinkable book” in un prodotto commercializzabile su larga scala.

Roberta Ragni

Leggi anche:

THE DRINKABLE BOOK: IL LIBRO CHE PURIFICA L’ACQUA PER PREVENIRE IL COLERA

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook