Come depurare l’acqua del rubinetto con i filtri in ceramica

filtri in ceramica

I filtri in ceramica sono una soluzione ecologica per depurare l’acqua del rubinetto: semplici da montare e da mantenere, consentono di rimuovere dall’acqua batteri patogeni, impurità, cloro, pesticidi e metalli pesanti migliorandone la sicurezza e la qualità.
Scopriamo come funzionano e dove si acquistano i filtri in ceramica per la depurazione dell’acqua di casa.

Come funzionano i filtri in ceramica per depurare l’acqua

L’acqua che arriva nelle nostre case è controllata dai gestori degli acquedotti e per legge risulta sicura. In alcuni casi potrebbe però presentare impurità, residui inquinanti o metalli pesanti, apparire torbida o avere odore e sapore sgradevoli.

I filtri in ceramica sono apparecchi che possono essere montati sopra o sotto il lavello e che consentono di depurare l’acqua del rubinetto eliminando diverse sostanze che possono peggiorarne il gusto e la purezza. Si tratta di strumenti semplici ma molto efficaci per migliorare la qualità dell’acqua.

L’azienda Eivavie commercializza ad esempio il filtro Ultracarb, costituito da ceramica e carbone vegetale. La parte più esterna del filtro è in argilla ceramica, un materiale che presenta una porosità di 0,5 micron in grado di filtrare sostanze indesiderate dall’acqua, come batteri, microplastiche e altre particelle indesiderate.

La parte centrale è invece composta da carbone vegetale non trattato, un materiale naturale ottenuto dai gusci delle noci di cocco. Il carbone vegetale ha uno straordinario potere assorbente ed è in grado di rimuovere dall’acqua cloro, pesticidi, erbicidi e metalli pesanti come il piombo, l’alluminio ed il mercurio.

I filtri in ceramica hanno soprattutto il vantaggio di non rimuovere gli oligoelementi che sono importanti per la nostra salute. L’acqua contiene infatti tutti i sali minerali indispensabili per il nostro organismo tra cui il calcio, il magnesio e il potassio.

Vantaggi dei filtri in ceramica per la depurazione dell’acqua

eivavie 2

Grazie all’uso dei filtri in ceramica possiamo avere a disposizione acqua depurata direttamente a casa e non dover più acquistare acqua in bottiglia o altri sistemi di depurazione come le caraffe filtranti o sistemi molto più complessi come ad esempio l’osmosi inversa. Utilizzare i filtri in ceramica per depurare l’acqua del rubinetto comporta una serie di vantaggi economici, oltre che per la salute e per l’ambiente.

L’acqua del rubinetto è infatti molto più economica rispetto all’acqua acquistata in bottiglia e si stima che una famiglia di quattro persone possa risparmiare dai 400 ai 1200 euro annui consumando acqua del rubinetto anziché acquistare acqua in bottiglie di plastica o di vetro.

Ovviamente il consumo di acqua del rubinetto comporta anche un minor impatto ambientale poiché si elimina la plastica delle bottiglie e si evita il trasporto di acqua imbottigliata.

Ridurre l’uso della plastica è un aspetto davvero molto importante per la nostra salute e per quella dell’ambiente. La produzione, l’uso e lo smaltimento della plastica espone noi, gli animali e l’ambiente a sostanze tossiche, dannose e inquinanti che influenzano negativamente la salute degli esseri viventi e peggiorano la qualità della vita.

Eivavie e la lunga storia dei filtri in ceramica

I filtri per acqua in ceramica non sono una novità. L’azienda Doulton, per esempio, produce filtri in ceramica nel Regno Unito da più di 190 anni. Nel XIX secolo, a Londra il principale rifornimento di acqua era rappresentato dal fiume Tamigi, nel quale però venivano anche riversate le acque fognarie. L’acqua contaminata era dunque veicolo di malattie come il tifo e il colera ed era necessario trovare una soluzione che rendesse l’acqua potabile. Fu proprio Henry Doulton a scoprire che filtrando l’acqua attraverso una speciale ceramica era possibile depurarla rendendola sicura per il consumo umano.

Questa semplice tecnologia viene sfruttata da allora e oggi i filtri Doulton sono venduti in oltre 140 Paesi: in Italia vengono importati da Eivavie, un brand dell’azienda La Casa di Terra ed è possibile acquistarli sia online sia in negozi come Naturasì e CuoreBio.

L’ingombro e i prezzi dei filtri in ceramica variano in base al modello: si possono infatti scegliere filtri da collocare sopra al lavello in prossimità del rubinetto, oppure sotto al lavello, all’attacco dell’acqua.

Entrambe le soluzioni sono semplici da montare e da mantenere e funzionano grazie a cartucce in ceramica e carbone vegetale che vanno sostituite ogni sei mesi.

 

Germinal Bio

10 idee da mettere dentro il cestino da picnic e accontentare tutti

Seat

Auto a metano, il self service darà una nuova spinta?

Yves Rocher

Premio Terre de Femmes e l’impegno di Yves Rocher nella tutela dell’ambiente

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

corsi pagamento

seguici su facebook