Acqua minerale vs. acqua del rubinetto: tu, quale preferisci?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La battaglia a dire il vero è iniziata già da un po’, ma nessuno ha mai chiesto il nostro parere: tu, preferisci l’acqua minerale o l’acqua del rubinetto?

Sembrerà strano per un sito come il nostro, che dovrebbe supportare totalmente una battaglia a favore dell’acqua del rubinetto, con dati evidenti alla mano, ma che non se la sente di dare addosso a chi continua a preferire ad acquistare la bottiglia. Per diversi motivi, perché l’abbiamo fatto anche noi fino a poco tempo fa, perché molti nostri amici, inclusi diversi ambientalisti militanti, non ne fanno a meno (magari perché hanno dei bambini), perché al ristorante non ci fidiamo ancora di tutte le cose che ci servono, perché, perché. Ah si, anche perché nel corso del tempo demolirò un po’ di luoghi comuni “vetero-ecologisti”, e attenzione, attenzione, anche sui fast food!

Bene, alcuni motivi pro l’acqua minerale li ho lanciati, ci metto anche che in alcuni casi, ci sono acque imbottigliate più buone di quelle dei nostri rubinetti, per cui uno “strappetto” si può fare, altri metteteli voi.

Ma poi la ragione prende il sopravvento e quindi perché, invece, preferire l’acqua del rubinetto? I motivi sono soprattutto contro l’acqua imbottigliata. Serve molta energia per produrre una bottiglia, riempirla, trasportarla, venderla, smaltirla. Energia che del resto paghiamo circa 300 euro per famiglia, secondo i calcoli degli Ecologisti Democratici , una cifra che coprirebbe la spesa familiare per il consumo idrico annuo. Impressionante è la quantità pro-capite italiana, 200 litri annui per persona; in Inghilterra la cifra scende a 23. E, lo sapevate?, La importiamo.

Altri motivi? Il peso per chi s’incolla 6 o più bottiglie a settimana, lo spazio, vabbé quelle s’impilano, il rumore che fanno quando si spremono per occupare meno spazio nel cestino, è insopportabile, e i tanti altri motivi che aggiungerete voi.

Un’altra soluzione? Per qualcuno più fortunato, c’è qualche buona fonte vicino casa, per qualcun’altro è più lontana, ma è anche motivo di gita fuori porta. E si riuserebbero le bottiglie.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Direttore responsabile ed editoriale di greenMe. Ha una laurea in Scienze della comunicazione e un'esperienza pluriennale negli uffici stampa. In greenMe ha trovato il modo di dare sfogo alla sua "natura" più vera.
Repubblica di San Marino

Repubblica di San Marino: il turismo slow e green che non ti aspetti

Deceuninck

Come scegliere gli infissi giusti per una casa ecosostenibile

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook