Persino la “purissima” acqua Evian è contaminata da residui di pesticidi vietati, lo studio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sappiamo che ormai i pesticidi contaminano le nostre acque, ma forse non abbiamo ancora ben chiaro fino a che punto.

Adesso una nuova ricerca svela che anche nell’acqua Evian, considerata purissima, si trovano tracce di un pesticida, addirittura vietato!

A svelare la contaminazione dell’acqua Evian è SonntagsZeitung, giornale svizzero che rende noto che i ricercatori dell’Istituto federale di ricerca sulle acque Eawag, nel loro studio pubblicato sulla rivista “Water research”, hanno trovato residui del pesticida clorotalonil nell’acqua minerale del noto marchio Evian.

Il clorotalonin è una sostanza autorizzata dagli anni ‘70 e utilizzata in particolare nella produzione di cereali, ortaggi, nelle vigne ma anche per le piante ornamentali. Si tratta però di un pesticida vietato in Svizzera dall’inizio dell’anno.

La concentrazione, specificano dal domenicale svizzero, è ben al di sotto dei limiti legali (sono stati trovati 6 nanogrammi per litro) ed è innocua per la salute. La concentrazione è “paragonabile all’acqua del lago di Zurigo“, ha dichiarato Juliane Hollender, coautrice dello studio Eawag.

La scoperta è tuttavia significativa perché Evian proviene dal cuore delle Alpi ed è così pura che gli scienziati la usano come base di riferimento per i loro esperimenti e per calibrare i loro dispositivi di misurazione dell’acqua.

Il presidente dell’associazione internazionale dell’acqua potabile AWBR, Roman Wiget, si è mostrato decisamente preoccupato di questa scoperta:

Il fatto che anche le fonti di Evian nelle Alpi francesi, che sono poco influenzate dall’uomo, contengano residui di pesticidi è allarmante e mostrano che tali sostanze sono gestite in modo troppo ‘leggero'”.

Ulteriori risultati dello stesso studio, tra l’altro, confermano il sospetto che i residui di pesticidi siano più comuni di quanto si pensasse in precedenza. Per la prima volta, la ricerca ha esaminato più regioni remote della Svizzera alla ricerca di residui di pesticidi.

L’autore dello studio Hollender ha spiegato che in precedenza era andato alla ricerca di residui di clorotalonil esclusivamente in aree con agricoltura intensiva mentre in questo nuovo studio, per la prima volta, viene misurata la presenza di questo pesticida anche in luoghi in cui praticamente non si coltiva e:

“Sorprendentemente, abbiamo trovato residui di un prodotto di degradazione del clorotalonil in tutti i punti di misurazione”

La replica di Evian

Philippe Aeschlimann, portavoce di Evian, ci ha tenuto a sottolineare che le concentrazioni di pesticidi misurate dai ricercatori di Eawag sono al di sotto del normale limite di rilevazione e non destano preoccupazione per il consumo. In sostanza quanto già sostenuto dai ricercatori stessi.

Insomma, la contaminazione dell’acqua Evian non presenta di per sé rischi per la salute ma considerando che si tratta di una delle acque più pure al mondo, il fatto che vi siano residui di pesticidi non promette nulla di buono.

Fonte: sonntagszeitung/ tagesanzeiger.ch

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook