acqua_arsenico_deroghe

Che in molti comuni l’acqua del rubinetto avesse una forte concentrazione di arsenico si sapeva già, ma il problema è che oggi – in seguito all’abolizione della deroga, che alzava a 50 milligrammi per litro la concentrazione massima di arsenico tollerata nelle acque potabili, i rubinetti di molti comuni potrebbero essere chiusi.

Il Ministro della Salute, Ferruccio Fazio, ha dovuto abolire la proroga in seguito alla decisione della Commissione Europea, che ha detto no alle concentrazioni di arsenico troppo superiori al limite di legge (ovvero 10 microgrammi per litro), e ha fatto un bilancio della situazione: "potrebbero essere circa 100mila gli abitanti a cui potrebbe essere precluso l'uso della acqua potabile per limiti di arsenico superiori ai 20 milligrammi. Dalle comunicazioni pervenute dalle Regioni – ha continuato il Ministro - la popolazione delle realtà locali per cui si potrebbe chiedere la deroga - con le acque nei limiti entro i 20 milligrammi per litro - ammonta invece a circa 900 mila abitanti”.

Insomma, alla fine dei conti, sono quasi un milione gli italiani costretti ad utilizzare acqua piena di arsenico: un problema che doveva essere risolto già da tempo.

Secondo Legambiente, le amministrazioni locali hanno perso tempo e - adagiandosi sui temi della proroga - non hanno fatto ciò che dovevano:
Il solito pasticcio “all’italiana” – ha commentato Stefano Ciafani, responsabile scientifico di Legambiente - Le deroghe dovevano servire ad affrontare e risolvere definitivamente il problema, peraltro noto, della concentrazione di alcuni inquinanti presenti nelle acque distribuite in alcuni Regioni e invece sono diventate l’ennesimo escamotage per non intervenire. Per fortuna ci ha pensato l’Europa a fermare il perpetrarsi di una pratica dannosa per la salute pubblica. Ora i Comuni coinvolti facciano quello che avrebbero già dovuto fare subito dopo aver chiesto la deroga, ovvero, informare la popolazione e mettere a norma gli acquedotti”.

Per mettere il problema nero su bianco, la Legambiente ha realizzato delle tabelle in cui mostra i comuni a rischio. Alcuni di questi sono riusciti ad ottenere una proroga, ma solo perché il loro limite supera di poco quello stabilito dall’OMS. Infatti, su 157 comuni che ne avevano fatto richiesta per tre parametri (boro, fluoruro e arsenico), 128 non l’hanno ottenuta per le alte concentrazioni di arsenico, mentre è stata concessa a tutte le realtà che superano di poco i limiti (fino a 20mg per litro).

Per rientrare nei limiti – ha aggiunto Ciafani – è sufficiente procedere ad interventi praticabili in pochi mesi, come è già avvenuto in diverse parti d’Italia. Infatti, nel 2003 le richieste di deroga erano state avanzate da 13 Regioni su 10 parametri mentre nel febbraio 2010 la richiesta di rinnovo inviata dall’Italia ha riguardato solo 6 Regioni (Campania, Lazio, Lombardia, Toscana, Trentino Alto Adige, Umbria) per tre parametri. Dunque – ha concluso Ciafani - la diminuzione delle richieste, sia in termini di territori coinvolti che di parametri dimostra che, con adeguati investimenti, è possibile uscire dalla deroga garantendo ai cittadini acqua potabile nel rispetto della legge”.

Promemoria per i comuni a rischio!

Come ricorda la Legambiente, le realtà comunali che hanno ottenuto la deroga devono mettersi in regola entro i prossimi mesi, per intervenire a livello strutturale e tagliare drasticamente le concentrazioni di arsenico, ma anche di fluoruro e boro.

Verdiana Amorosi

Comuni interessati dalle deroghe ancora vigenti

Zona di fornitura di acqua (regione/provincia)

Numero comuni

Popolazione interessata

Valore massimo del parametro concesso dalla deroga

Campania

14

457.944

 

Napoli

14

457.944

2,5 mg/l di fluoruro

Lazio

78

461.539

 

Latina

1

1000

2,5 mg/l di fluoruro

Roma

17

145.016

2,5 mg/l di fluoruro

Viterbo

60

315.523

2,5 mg/l di fluoruro

Lombardia

6

11.400

Brescia

2

3.000

15 μg/l di arsenico

Lecco

2

1.300*

20 μg/l di arsenico

Pavia

2

7.100

15 μg/l di arsenico

Toscana

19

118.961

 

Arezzo

2

9.622

20 μg/l di arsenico

 

2

1.800

3 mg/l di boro

Grosseto

1

100

2 mg/l di boro

Livorno

13

105.431

3 mg/l di boro

Pisa

1

2.008

3 mg/l di boro

Totale

117

1.049.844

 

*valori massimi per la stagione estiva (turisti non residenti). Popolazione residente: 284

Fonte: elaborazione Legambiente su dati Commissione europea

Deroghe e interventi

Zona di approvvigionamento idrico


Parametro d’interesse


Importo interventi azioni correttive


Termine deroga


Provincia di Brescia


arsenico


€5.813.000


2011


Provincia di Lecco


arsenico


€220.000


2011


Provincia di Pavia


arsenico


€54.000


2010


Provincia di Latina


fluoruro


€9.438.400


2011


Provincia di Roma


fluoruro


€33.299.629


2012


Provincia di Viterbo


fluoruro


€24.000.000


2012


Provincia di Arezzo


arsenico


€25.000


2012


Provincia di Arezzo


boro


€400.000


2012


Provincia di Grosseto


boro


€1.500.000


2010


Provincia di Livorno, Pisa, Siena, Pistoia


boro


€101.106.120


2012


Provincia di Napoli


fluoruro


n.d.


2010


Totale



€175.856.149



Fonte: elaborazione Legambiente su dati Commissione europea




 

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram