Monviso

Allarme siccità: le sorgenti del Po sono in secca. Dopo un’estate senza piogge (e dai violenti incendi), che seguiva un inverno già scarsamente piovoso, è oramai a secco il Pian del Re, a 2.020 metri alla base del Monviso.

Accanto alla pietra scolpita con la celebre frase “Qui nasce il Po” dalle rocce in questo momento non esce nemmeno una goccia d’acqua e un po’ più a valle sono solo alcuni rigagnoli a gettarsi nel fiume più lungo d’Italia. 652 chilometri, un gigante buono, il Po, che rischia di rimanere senz’acqua, mettendo a rischio tutt’attorno i settori dell’agricoltura e dell’allevamento.

Secondo gli esperti, da dicembre 2016 ad agosto 2017 si è registrato un deficit di piogge del 40% rispetto al passato e questi primi otto mesi dell’anno sono stati i più secchi dal 1800. Drammatiche condizioni di siccità si sono avute ovunque, soprattutto nell'Italia meridionale, che è stata duramente colpita da numerosi incendi, con tanto di danni economici e perdite di aree forestali. 

Tutto ciò è ovviamente dovuto alle scarse precipitazioni estive. “A parte le importanti precipitazioni che hanno caratterizzato il Centro sud nel mese di febbraio, è da dicembre 2016 che le precipitazioni risultano sotto la media sull’intero territorio nazionale, tanto che, se consideriamo le precipitazioni cumulate sulle ultime tre stagioni (i 9 mesi da dicembre 2016 ad agosto 2017), siamo di fronte a un deficit di precipitazioni di quasi il 40%, senza grosse differenze tra nord e sud e, se le confrontiamo con le medesime tre stagioni dal 1800 ad oggi, quelli di quest’anno risultano i 9 mesi più secchi di sempre”, spiegano dal Cnr.

Come si spiega sul sito del Cnrfinisce un’estate che in Italia verrà ricordata per l’anomala combinazione di calura e siccità straordinarie. Secondo la serie bisecolare di dati dell’Isac-Cnr, il trimestre giugno–agosto risulta secondo tra i più ‘bollenti’, inferiore per temperature medie solo all’episodio epocale del 2003, e superiore a quelli recentissimi del 2012 e 2015”.

Più caldi furono soltanto l’agosto del 2012 e del 2003, con anomalie rispettivamente di più 2.56 gradi e più 3.86 gradi. Il caldo dell’ultimo mese, assieme alle temperature eccezionalmente alte del mese di giugno (il secondo più caldo di sempre con un’anomalia di +3.22C) e a un luglio tra i 10 più caldi di sempre, hanno portato l’estate 2017 ad essere seconda solo a quella eccezionalmente torrida del 2003 (anomalia di +2.48C quella del 2017 contro +3.76C dell’estate 2003).

Sulla siccità potreste leggere anche:

E ora è (anche) il Po a soffrirne. Perché tutto ciò? I cambiamenti climatici, manco a dirlo, sono i massimi colpevoli. Ma a monte di tutto, c’è ancora bisogno di dire che ci sono i nostri comportamenti sconsiderati e una pessima gestione (tutta italiana) dell'acqua?

Germana Carillo

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
festival scirarindi
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram