emergenzaidrica sicilia

Emergenza idrica in Sicilia: nel mare magnum delle corresponsabilità e nelle vertigini morbose dello scaricabarile, Messina e Agrigento, Catania e Caltanissetta e provincie limitrofe continuano a fare i conti con l’acqua che non c’è. Danni alle condotte o acqua inquinata, il risultato è solo uno: l’interruzione dell’erogazione idrica in più di un comune.

Vale a dire che i cittadini sono senza acqua da giorni e che la situazione sociale e sanitaria di intere aree rischia di andare al collasso.

STATO DI EMERGENZA A MESSINA – Nei giorni scorsi una frana nel territorio di Calatabiano, nel catanese, ha rovinosamente danneggiato la condotta di Fiumefreddo determinando l’interruzione dell'erogazione idrica. La situazione è critica a Messina, dove le parti alte della città, scuole e ospedali sono serviti con autobotti.

Il consiglio dei Ministri dichiarerà oggi lo stato di emergenza. La costruzione del by-pass tra l'acquedotto di Fiumefreddo e quello dell'Alacantara, infatti, non ha migliorato di molto la situazione in città, dal momento che non si riesce ancora a soddisfare il fabbisogno giornaliero. I lavori della messa in sicurezza della collina di Calatabiano ancora non hanno preso inizio e dovrebbero durare almeno venti giorni, per questo motivo si sta paventando l’ipotesi di realizzare un altro by-pass di un chilometro nella condotta di Fiumefreddo per aggirare la collina e la frana e aumentare il volume dell’acqua.

Intanto, per cercare di fare fronte all’emergenza, al porto di Messina è arrivata una nave cisterna di 5.450 metri cubi d’acqua di capacità, che sono stati immessi direttamente nella rete cittadina. Un approvvigionamento che avverrà anche domani 7 novembre, il 10 e il 13. In città operano anche 5 autobotti da 8mila litri ciascuno dell’esercito, il cui intervento è stato richiesto dalla prefettura.

GELA – La situazione è critica anche qui. Da quando è stato chiuso il dissalatore regionale gestito dall’Eni l’approvvigionamento idrico è garantito da più fonti (dighe Dirillo, Disueri, Cimia e Blufi), ma la popolazione continua a ricevere l’acqua ogni due o tre giorni, quasi sempre di colore giallastro. L’azienda di distribuzione è Caltaqua, che, nove anni fa, si è assicurata l’appalto per la gestione trentennale del servizio idrico in tutta la provincia di Caltanissetta. I cittadini che hanno firmato decine di petizioni popolari per ritornare alla gestione pubblica dell’acqua e l’ultima, è quella lanciata sul web “Gela come Messina”, con 2.500 firme in cinque giorni, per chiedere l’intervento dei vertici dello Stato e della Regione.

I BATTERI AD AGRIGENTO – Come se non bastasse, in provincia di Agrigento la Girgenti Acque ha stabilito “in via precauzionale” e in attesa di ulteriori analisi lo stop all'erogazione a causa “di valori batteriologici non conformi ai parametri stabiliti dalla legge”. L'emergenza riguarda i comuni di Ravanusa, Campobello di Licata (qui in una settimana sono state riscontrate due volte tracce di inquinamento nella condotta idrica, per la presenza di batteri coliformi), Canicattì e Agrigento, quelli in cui l'acqua viene distribuita da Girgenti Acque attraverso le condotte del Fanaco di proprietà di Siciliacque.

Germana Carillo

Photo Credit

LEGGI anche:

Acqua pubblica in Sicilia: approvato il DDL in commissione ARS

Acqua pubblica: la corte costituzionale restituisce la voce ai cittadini e la democrazia

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog