Tra le caraffe filtranti ce ne sono finalmente alcune utili ed efficaci, che migliorano il gusto della potabile e rimuovono le tracce di cloro. È questa la novità che, a un paio di anni di distanza dalle prime polemiche sulla sicurezza e sulla qualità dell'acqua filtrata, annuncia Altroconsumo, che ha testato i nuovi modelli per valutarne le caratteristiche.

La novità è che per la prima volta il test premia due modelli. "È stato eliminato il problema che da anni denunciavamo, ovvero lo sviluppo di batteri all'interno della cartuccia. I produttori hanno fatto anche maggiori sforzi sul fronte informativo, offrendo istruzioni più chiare e meglio definite rispetto alla necessità di fare una manutenzione accurata delle caraffe", scrive Altroconsumo.

Il nuovo decreto ministeriale (25/2012) del ministero della Salute sui filtri domestici impone regole più severe sull'etichettatura: devono essere specificate le sostanze su cui il filtro agisce e non si deve indurre l'idea che l'acqua potabile sia inquinata. La caraffa filtrante, infatti, è utile se l'acqua che sgorga dal rubinetto di casa non piace. Per una questione di gusto, insomma. Ma anche in caso di problemi puntuali di inquinamento (come i nitrati).

IL TEST - L'acqua prodotta artificialmente in laboratorio che Altroconsumo ha testato conteneva metalli pesanti, solventi, cloriti, trialometani al di sotto dei limiti di legge, ma superiori ai valori normalmente presenti nella potabile: una precisazione per non dimenticare che bere dal rubinetto va sempre bene. Fatta eccezione per qualche caso particolare, non c'è bisogno di filtrare l'acqua, perché non è quasi mai da migliorare.

Il risultato è che tutti i filtri sono risultati in grado di diminuire la quantità di sostanze responsabili del cattivo odore e sapore, di ridurre la quantità di nitrati e di diminuirne la durezza. I giudizi buoni di Ariete, Bwt, Coop stanno a indicare che la caraffa ha abbattuto il 30% di questi inquinanti. "Ricordiamo che è molto raro che nell'acqua potabile ci sia una presenza di nitrati elevata, dannosa per la salute", precisa Altroconsumo. Per quanto riguarda l'addolcimento, invece, è una questione di gusto. Più l'acqua viene addolcita e più somiglia alla minerale: questo è probabilmente uno dei motivi per cui l'Italia è il Paese con i maggiori dati di vendita di acqua in bottiglia.

LA CARAFFE MIGLIORI - Quali sono le caraffe più efficaci del test? Alcun modelli riducono al meglio la durezza dell'acqua, che può influire sul gusto; altri abbassano l'eventuale presenza di nitrati, di cloro o di metalli pesanti. Le migliori tra quelle testate sono risultate, comunque, IMETEC WP 130 (40 euro Ottime prestazioni, ma prezzo di vendita elevato e costo di utilizzo annuale medio (78 euro). Vince il titolo di Migliore del Test) e COOP Vivi Verde (13-15 euro La buona qualità, insieme al costo di utilizzo annuale più basso (57 euro) e a un prezzo di acquisto contenuto garantiscono a questa caraffa il titolo di Migliore Acquisto).

"Anche se alcune caraffe del test sono migliorate rispetto al passato, bere dal rubinetto resta la scelta migliore e la più conveniente: costa meno di un euro all'anno, non obbliga a portare pesi a casa e i controlli frequenti previsti per legge garantiscono una qualità buona. E poi: niente plastica e zero inquinamento da trasporto merci", conclude Altroconsumo.

Roberta Ragni

LEGGI ANCHE

Caraffe filtranti: bocciate dal Ministero della Salute

Caraffe filtranti: facciamo chiarezza. Ecco cosa prevede il nuovo decreto

Acqua: occhio alle caraffe filtranti. Inutili e dannose?

Caraffe filtranti: altre ombre. Pericolose per diabetici e cardiopatici

Caraffe filtranti: secondo i Nas sono inutili. E il Codacons annuncia una class action

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog