A Terra Futura la filiera sostenibile firmata Mater-Bi

Firenze, 28 maggio 2010 – In occasione di Terra Futura, mostra evento sugli stili di vita e consumo sostenibili (28-30 maggio, Fortezza dal Basso, Firenze) Novamont Spa, azienda italiana leader a livello internazionale nella progettazione, ricerca e produzione di nuovi materiali da fonti rinnovabili e a basso impatto, presenta al proprio stand la filiera economica sostenibile firmata Mater-Bi. Ipt, Wip, Cartiera Lucchese e Unicoop sono le aziende della Toscana che hanno scelto la produzione e commercializzazione di prodotti realizzati con la bioplastica brevettata dalla Novamont.

Non si tratta solo ed esclusivamente di relazioni commerciali ma di partnership dinamiche che hanno investito il re-design di prodotti e sistemi ispirati alla riduzione degli impatti ambientali nelle fasi di produzione, assemblaggio, consumo e smaltimento.

Con WIP, innovativa azienda di Prato che ha lanciato i biopannolini, la collaborazione è partita sin dalle origini, quando il suo fondatore Marco Benedetti ha iniziato a progettare il ridisegno del prodotto mediante l’analisi e l’individuazione di nuovi materiali in grado di sostituire i 14 elementi costitutivi di un pannolino tradizionale. L’obiettivo, all’insegna della trasparenza nei confronti degli acquirenti finali, era ed è quello di assicurare il massimo benessere dei fruitori mediante l’utilizzo di materie prime biodegradabili, naturalmente traspiranti, non trattate.

Con Cartiera Lucchese – Lucart Group prosegue la fortunata collaborazione nata intorno alla progettazione della prima carta igienica completamente da riciclo e con un involucro biodegradabile e compostabile in Mater-Bi.

Il lancio dei nuovi sacchetti in Mater-Bi da parte di Unicoop ha permesso lo sviluppo di un’intensa collaborazione con IPT, azienda di Scarperia, che ha convertito in parte la propria produzione dal politene al Mater-Bi in un processo che ha comportato un ampliamento delle proprie attività, un incremento occupazionale e l’avvio di progetti di ricerca & sviluppo in collaborazione con Novamont.

Coop

Dopo uva, meloni e ciliegie, anche le clementine dicono addio al glifosato

Caffé Vergnano

Women in coffee, il progetto che sostiene il ruolo delle donne che lavorano nelle piantagioni di caffè

tuvali
seguici su Facebook