Parco-canile di Peccioli: una nuova casa per i randagi, una vittoria delle associazioni animaliste

PECCIOLI – È con viva soddisfazione che i volontari della Dav e della Lav, due associazioni che da anni si battono per i diritti degli animali e dei randagi, che apprendiamo la definitiva decisione del Comune di Peccioli di realizzare un parco-canile per cani e gatti, in linea con le più moderne concezioni in termini di zoo-antropologia e benessere animale.

Riteniamo assolutamente importante che un progetto, su cui è stata data la disponibilità ben 15 anni fa, finalmente riesca a venire alla luce. Una piccola vittoria che oggi anche la Dav e la Lav possono festeggiare, perché giunge alla fine di un lungo percorso di sensibilizzazione delle istituzioni fatto di lotte, petizioni e tanta passione messa in campo dai nostri volontari e da entrambe le associazioni.

Ringraziando il comune di Peccioli e la sua amministrazione per la disponibilità che hanno dimostrato verso le nostre rimostranze, confidiamo che il nuovo parco-canile possa davvero prendere forma in breve tempo, mettendo fine ad anni in cui il progetto è rimasto solo sulla carta in attesa di concretizzarsi. Una struttura altamente all’avanguardia in cui al tradizionale rifugio per cani e gatti si unisca anche un grosso spazio aperto per far sgambare gli animali, un centro per l’educazione, la cura, il supporto ai problemi comportamentali ed un piccolo cimitero per animali. Un’idea che noi portiamo avanti da anni e che, finalmente, potrà vedere la luce venendo incontro alle tante esigenze di una società sempre più attenta ai diritti e alle necessità dei nostri amici animali. L’ottica non è più di isolamento e pietistica assistenza del cane, ma di promozione dell’animale come soggetto emotivamente ricco e pensante, e come parte sempre più integrante delle nostre città, dei nostri spazi e della nostra realtà quotidiana, nel rispetto delle sue caratteristiche di specie e di parametri di convivenza basati sul benessere comune. Siamo convinti che solo una promozione del cane come soggetto di valore e di arricchimento della vita dell’uomo possa favorire il processo di adozione e snellimento dei canili e che dal canile, dunque, debba partire una rivoluzione culturale e pratica sull’approccio al cane e alla nostra convivenza in ambito urbano.

Uniamo alla soddisfazione, inoltre, l’assoluta disponibilità delle nostre associazioni a venire incontro all’amministrazione per tutto quello che concernerà l’attività del futuro parco-canile, nella speranza di rafforzare sempre più la collaborazione fra mondo dell’associazionismo e istituzioni.

Alessio Giani – Dav – Difesa ambiente animali e vita

Antonella Pandolfi Lav – Lega anti-vivisezione
Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Germinal Bio

10 idee da mettere dentro il cestino da picnic e accontentare tutti

corsi pagamento

seguici su facebook