L’Italia centra gli obiettivi del Protocollo di Kyoto

Raggiungere gli obiettivi di riduzione della CO2 posti all’Italia dal Protocollo di Kyoto non è più una missione impossibile. Nel 2012, infatti, si riuscirà a ridurre le emissioni di gas serra del 6,5% rispetto al 1990, come previsto dall’accordo internazionale, e, forse, anche di più. Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, Edo Ronchi, che nel 1997, come ministro dell’Ambiente, firmò quel trattato sul clima. Tre, per Ronchi, i fattori che permetteranno di centrare l’obiettivo: la crisi economica, lo sviluppo delle rinnovabili, l’aumento dell’efficienza energetica. Lo afferma il Presidente della

L’Italiaosserva Ronchi, che ha reso note le sue proiezioni in occasione del quinto anniversario, dell’entrata in vigore del Protocollo di Kyoto (16 febbraio 2005) – ha l’obbligo di ridurre le proprie emissioni di gas di serra del 6,5%,rispetto a quelle del 1990, come media delle emissioni del 2008-2012. Su questo obiettivo in Italia si è scatenata, per anni, una forte polemica che spesso mi ha chiamato in causa direttamente, in quanto Ministro dell’Ambiente che negoziò e sottoscrisse quel Trattato: si scrisse che quell’obiettivo era impossibile, che l’Italia non l’avrebbe mai raggiunto perché era troppo avanzato. Ora i dati ci confermano che non si trattava di una missione impossibile“.


Secondo lo studio elaborato da Ronchi le emissioni di gas serra sono cominciate a calare in Italia già dal 2005, ben prima della crisi, dopo che è entrato in vigore il Protocollo di Kyoto e che sono state prese alcune misure. Dal 2005 al 2008, le emissioni sono calate di ben 35 milioni di tonnellate di CO2 equivalenti. Nel 2009, per effetto congiunto della crisi (prevalente), dell’aumento della quota di energie rinnovabili (+9,3% nel 2009) e di un miglioramento dell’efficienza energetica (si riduce il kilowattora per unità di Pil anche nel 2009) c’è stato un forte calo delle 2“>emissioni di CO2: pari a 36,3 milioni di tonnellate in un solo anno e, a fine anno, le emissioni erano scese del 3% rispetto al 1990: vale a dire che nel 2009 sono state emesse 502,3 Mton CO2 eq. .

Per arrivare all’obiettivo previsto dal Protocollo (483,3 MtonCO2 eq.) manca una riduzione di 19 milioni di tonnellate di CO2. “Nei prossimi tre anni – dice Ronchi – anche solo con una riduzione media come quella in atto prima della crisi, si arriverà tranquillamente a centrare l’obiettivo. Anzi, molto probabilmente, anche senza conteggiare i meccanismi flessibili, la riduzione delle emissioni sarà ancor maggiore del 6,5% richiesto”. Anche l’obiettivo per il 2020, vedendo le tendenze in atto, secondo Ronchi è a portata di mano per l’Italia “a meno che non si interrompano le misure di incentivazione delle rinnovabili e quelle di sviluppo dell’efficienza energetica“.

Ufficio Stampa Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile


Direttore responsabile ed editoriale di greenMe. Ha una laurea in Scienze della comunicazione e un'esperienza pluriennale negli uffici stampa. In greenMe ha trovato il modo di dare sfogo alla sua "natura" più vera.
Salugea

Come fare incetta di vitamina D in inverno per evitare una carenza

Hello Fish!

Preservare i nostri mari un passo alla volta, a partire dalla stagionalità del pesce

Florena Fermented Skincare

Cosmetici naturali fermentati: cosa sono e perché sono così efficaci per la cura del viso

Caffè Vergnano

Regali di Natale: un’idea personalizzata e green per la persona che ami

Seguici su Instagram
seguici su Facebook