I prodotti equosolidali certificati Fairtrade sono anticrisi

I prodotti equosolidali certificati Fairtrade continuano a crescere, nonostante la crisi che colpito il portafoglio di molte famiglie italiane. Lo testimoniano i dati 2009 del consorzio italiano che certifica i prodotti garantiti nel nostro paese, pubblicati nel report di attività alla vigilia dell’assemblea che il 27 maggio a Firenze eleggerà il consiglio di amministrazione destinato a guidare nei prossimi tre anni.

I dati 2009 parlano di una crescita media a volume del 10%, con performance molto interessanti su alcune referenze come zucchero di canna (+27%), succhi di frutta (+57%) e riso (+17%). Anche i fiori hanno conosciuto una importante crescita: 2 milioni gli steli venduti lo scorso anno (+40%), merito di alcune campagne mirate, promosse dalla grande distribuzione, in particolar modo durante le ricorrenze (Festa della mamma). Grazie alle vendite in Italia, oltre al prezzo stabile e garantito ai produttori, è stato possibile generare un Fairtrade Premium (il margine aggiuntivo al prezzo) di 467 mila euro di cui hanno beneficiato le famiglie e le comunità, con progetti in ambito sociale e sanitario.

Sono ormai 5000 i punti vendita che propongono referenze equosolidali certificate e nel 2009 si segnala l’arrivo delle private label di Conad e Despar, l’ampliamento di COOP, l’inserimento nei punti vendita ad insegna Billa, di prodotti proposti grazie ad una collaborazione commerciale con alcune aziende licenziatarie (Pfanner e Alce Nero).

Nel contesto economico difficile vissuto l’ultimo anno, va sottolineato anche che i prezzi dei prodotti equi non hanno subito effetti inflazionistici e molti prodotti Fairtrade rappresentano un ottimo rapporto qualità/prezzo anche per i consumatori, e risultano competitivi se raffrontati con analoghi prodotti di marca” sottolinea Paolo Pastore, direttore di Fairtrade Italia.

Ad essere premiata è la garanzia di un marchio riconosciuto ormai a livello internazionale: con 24 paesi coinvolti da Iniziative nazionali di marchio (analoghe a Fairtrade Italia), 867 organizzazioni di produttori in 58 paesi del mondo. Il sistema Fairtrade è stato segnalato anche dalla ricerca Euroconsumers 2010 come il migliore per quanto riguarda la responsabilità sociale (rating A /A) sia nei confronti dei produttori, che possono così contare su una retribuzione adeguata e sulla possibilità di sviluppo del loro lavoro, sia nei confronti dei consumatori che sono così certi di contribuire ad un mercato più equo.

Ufficio Stampa Fairtrade

10 regali per i 10 anni di GreenMe

Scarica qui i regali che abbiamo scelto per te

Conto Deposito Esagon

Arriva il Conto Deposito che pianta gli alberi e riduce la CO2! Scopri di più>

corsi pagamento

seguici su facebook