Sacche di mantide religiosa: perché non dovresti rimuoverle dalle tue piante se ne vedi una

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La mantide religiosa è un validissimo aiuto nella cura del giardino, se vedi le sue sacche allora ha deposto le uova e non dovresti rimuoverle

La mantide religiosa Mantis religiosa è un elegantissimo insetto diffuso in tutta l’Europa centrale e appartenente alla famiglia delle Mantidee. Particolarmente apprezzata per le sue abilità predatorie, questo insetto ha dato vita ad una serie di stili di combattimento nelle arti marziali che imitano gli attacchi ai suoi simili, ma contrariamente a quanto si possa pensare la mantide religiosa è totalmente innocua per l’uomo e le sono anche le sue sacche in cui la femmina depone le uova.

La femmina è solita uccidere il maschio dopo l’accoppiamento che avviene a novembre mentre durante tutto l’inverno i nascituri crescono nelle ooteche, più comunemente chiamate sacche, per poi raggiungere il pieno sviluppo in alta estate dove gli esemplari sono pienamente considerati adulti. Da novembre a maggio è perciò possibile che nel giardino o nell’orto si avvistino le sue sacche che contengono circa 60-70 uova ciascuna. (Leggi anche: Se ti imbatti in questo insetto, non ucciderlo. La scutigera non è soltanto innocua, ma anche molto utile in casa)

Le ooteche non andrebbero mai tolte prima di tutto perché la mantide religiosa è una cacciatrice provetta di zanzare, vespe, cimici, mosche e parassiti, rivelandosi essere a tutti gli effetti un’ottima aiutante nella manutenzione dell’area verde in cui ha scelto di proliferare e nel controllo delle sue infestazioni estive. In secondo luogo questo insetto non è affatto pericoloso per noi umani, in casi può mordere – se indispettito – ma il suo morso non è velenoso e non causa alcun prurito quindi non c’è nulla da temere.

Inoltre non sono assolutamente pericolose per la salute delle vostre piante.

Se avvisti nel tuo giardino una sacca, non distruggerla perciò, ma smetti piuttosto di utilizzare fertilizzanti o altre sostanze chimiche che possono nuocere all’animale e ai suoi piccoli. Le ooteche possono trovarsi ovunque come tra le foglie delle piante, nei tronchi degli alberi o persino in alcune creme di muri. In inverno è molto più facile notarle tra i rami degli alberi che sono spogli, mentre in primavera possono camuffarsi bene.

Le sacche sono grandi 2-3 centimetri mediamente, sono perlopiù tondeggianti e dai colori che variano dal marroncino al bianco-beige. Questi involucri che la femmina segreta proteggeranno i piccoli di mantide religiosa fino alla schiusa intorno a maggio.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Leggi anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook