Butti i semi e i noccioli della frutta? Ti spiego come li riuso per fare una borsa che riscalda (utilissima in vista dell’inverno)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Bastano i semi della frutta o i legumi secchi e una vecchia federa di cuscino per creare questo economico rimedio contro il freddo che ci farà risparmiare sulla bolletta dell'energia elettrica

L’inverno che ci attende sarà molto dispendioso a causa degli aumenti in bolletta ai prezzi di gas ed energia elettrica: questo vuol dire che accendere i termosifoni o i condizionatori per scaldarsi ci costerà molto di più rispetto allo scorso anno. È importante, quindi, cercare strategie per riscaldarsi evitando di consumare troppe risorse energetiche, per non dover spendere una fortuna alla fine del mese.

Nei momenti di difficoltà e di crisi, come quello che stiamo vivendo, ci possono tornare utili i rimedi che utilizzavano nel passato i nostri nonni: essi, magari, non erano eccessivamente ricchi e non disponevano delle risorse tecnologiche di cui disponiamo noi oggi, ma avevano inventiva e creatività con le quali riuscivano a trovare soluzioni ai vari problemi del quotidiano.

Leggi anche: 5 consigli furbi per riscaldare una sola stanza senza spendere una fortuna in bollette

Per riscaldarci durante le ore trascorse in casa, a lavorare al PC o sul divano a guardare un film, possiamo avvalerci di un piccolo oggetto che sicuramente le persone più anziane ricorderanno: la borsa di semi. Si tratta, in pratica, di un sacchetto di tessuto in cui sono conservati i semi e i noccioli della frutta tipicamente estiva che, se riscaldati, rilasciano calore piano piano.

Per realizzarlo abbiamo bisogno di:

  • semi e noccioli della frutta estiva
  • (in alternativa) legumi secchi o semi oleosi
  • un sacchetto di tessuto o una vecchia federa
  • forno a microonde.

Un po’ come una borsa dell’acqua calda – con il vantaggio che i semi conservano il loro calore più a lungo. Di solito si inizia a pensare alla realizzazione di questo accessorio durante l’estate, quando troviamo al supermercato pesche, susine, albicocche, ciliegie: tutto quello che dobbiamo fare è non buttare i noccioli di questi frutti, ma lavarli accuratamente, asciugarli e conservarli in un sacchetto.

Alla fine dell’estate, trasferiamo poi tutti i noccioli raccolti in un sacchetto di cotone o di iuta: facciamo attenzione a che il tessuto sia composto esclusivamente da fibre di origine naturali e non contenga filamenti sintetici, che potrebbero fondersi con l’elevato calore.

Se non abbiamo raccolto i semi della frutta, possiamo utilizzare dei legumi secchi (magari un mix di fagioli e ceci) oppure dei semi oleosi come quelli di girasole o di lino – con l’inconveniente, in questo caso, di utilizzare dei prodotti comprati apposta per lo scopo e non dei rifiuti.

Se non abbiamo un sacchetto, possiamo anche ricavarlo partendo da una vecchia federa di cuscino, che taglieremo a metà per il lato corto (i due lembi del lato tagliato andranno poi cuciti insieme, una volta che avremo riempito il sacchetto di semi).

Ora che il sacchetto è pronto e pieno, non ci resta che riscaldarlo in forno a microonde per qualche minuto, in modo che i semi assorbano il calore. Il nostro rimedio anti-freddo è così pronto: la borsa di semi si manterrà calda almeno per 30-40 minuti e noi potremo evitare di accendere i termosifoni!

Oltre che per contrastare il freddo, possiamo usare la borsa di semi anche per:

  • contrastare i dolori articolatori e muscolari
  • alleviare i fastidi del torcicollo
  • lenire i dolori mestruali.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook