Come rimuovere le macchie e sbiancare i termosifoni ingialliti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Termosifoni ingialliti e pieni di macchie che non vanno via con un semplice colpo di spugna? I migliori trucchi per sbiancarli

Termosifoni ingialliti e pieni di macchie che non vanno via con un semplice colpo di spugna? Vediamo perché succede e come fare per sbiancare gli elementi dei nostri caloriferi

Perché i termosifoni si macchiano?

Malgrado i termosifoni nascano bianchi, con il passare degli anni tendono ad ingiallirsi e a perdere il colore uniforme che li caratterizzava al momento dell’acquisto. Perché succede questo? Ci sono diverse cause che concorrono a rendere i nostri caloriferi sporchi e ingialliti. Certamente l’età del nostro impianto incide molto sul biancore dei termosifoni: impianti vecchi, che sono sopravvissuti a molti cambi di stagione, tendono a presentare molte macchie e aloni grigi. Oltre al passare del tempo, si aggiunge la polvere e lo sporco, che spesso si deposita fra gli elementi del termosifone ed è difficile da eliminare (QUI trovate qualche rimedio per pulire i termosifoni in modo eccellente).

Se in casa vivono dei fumatori, il fumo delle loro sigarette aumenterà l’ingiallimento dei caloriferi (in realtà, il fumo tende a ingiallire e opacizzare tutto quello che c’è in casa, comprese pareti e tende, oltre che ad arrecare gravi danni alla nostra salute). Anche la luce del sole può portare allo scurimento dei termosifoni: se ci facciamo caso, i caloriferi posti in stanze più luminose o che sono direttamente esposti ai raggi solari tendono a macchiarsi più velocemente rispetto a quelli che si trovano dietro porte e tende o in stanze più in ombra.

Come sbiancare i termosifoni ingialliti

Il bicarbonato di sodio rappresenta certamente il rimedio casalingo più immediato ed efficace per eliminare le macchie dai nostri termosifoni, visto il suo forte potere sbiancante. Per utilizzarlo al meglio basterà creare una “pasta” sciogliendo qualche cucchiaio di bicarbonato in un po’ d’acqua e massaggiarla con una spugnetta sugli elementi sporchi del termosifone (per raggiungere le intercapedini e i punti difficili possiamo usare un vecchio spazzolino dalle setole morbide, che avremo intinto nella miscela). Dopo aver strofinato con energia – fino a che tutte le macchie non saranno sparite – eliminiamo il composto con un panno umido.

Possiamo utilizzare anche del sapone di Marsiglia (QUI qualche consiglio su come prepararlo in casa in modo naturale) per un’azione più delicata: sciogliamo qualche scaglia di sapone a bagnomaria e versiamola direttamente sulla macchia, poi strofiniamo con una spugnetta morbida fino alla rimozione totale dello sporco. Infine, possiamo usare dell’acido citrico per eliminare del tutto aloni e macchie gialle dagli elementi del calorifero: dopo aver creato una soluzione di acqua e acido citrico (circa un litro d’acqua in cui avremo fatto sciogliere 150 grammi di acido citrico in scaglie), versiamola in un vaporizzatore e nebulizziamola direttamente sulle macchie da eliminare, poi procediamo a strofinare con una spugna.

Come sempre, sconsigliamo l’utilizzo di una miscela di acqua e aceto: l’aceto, a contatto con l’acqua crea una soluzione particolarmente inquinante che finisce dritta nello scarico di casa.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook