Scarichi intasati: 10 rimedi e trucchi per sturare doccia e lavandini senza uscire di casa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Come sturare scarichi e lavandini intasati senza ricorrere ai prodotti specifici, ma utilizzando ingredienti che abbiamo comunemente in casa? Scopri i rimedi più semplici ed efficaci per liberarre gli ingorghi in bagno e cucina

Quanta frutta e verdura dobbiamo mangiare ogni giorno?

Eliminare uno scarico bloccato può diventare un vero incubo e spesso può sembrare che l’unica soluzione sia utilizzare candeggina o costosi prodotti specifici per sturare docce e lavandini o ancora peggio chiamare un idraulico. Ma prima di arrivare a queste ipotesi estreme vale la pena provare alcuni modi e trucchi più economici ma efficaci per i quali non dovrai nemmeno uscire di casa.

Gli scarichi ostruiti sono la maggior parte delle volte causati da un accumulo di cibo, grasso e capelli sedimentati nel tempo lungo le tubature che rendono difficile il passaggio dell’acqua. In particolare il grasso può risultare un incubo di cui sbarazzarsi, ma per fortuna possono venirci in aiuto questi rimedi semplici e in molti casi risolutori.

I rimedi naturali che vi indichiamo, infatti, saranno degli efficaci sostituti delle soluzioni che di solito si utilizzano per sgorgare gli scarichi domestici, come la candeggina o i prodotti pensati appositamente che si trovano in vendita in qualsiasi supermercato, ma che purtroppo il più delle volte possono risultare inquinanti.

Ecco alcuni modi alternativi per sgorgare scarichi e lavandini che funzionano davvero e a cui potrete ricorrere la prossima volta che il problema si presenterà. Con un po’ di fortuna, eviterete di chiamare l’idraulico, sbloccherete l’ingorgo in poco tempo e risparmierete. (Leggi anche: 5 rimedi alternativi per liberare lo scarico del WC)

Sale e bicarbonato

Questo è uno uno dei rimedi più semplici a cui ricorrere in caso di scarichi domestici ingorgati. Per risolvere il problema, versate sopra lo scarico:

  • 4 cucchiai di sale grosso e
  • 4 cucchiai di bicarbonato di sodio
  • fate seguire da una pentola di acqua bollente o comunque molto calda.

Acqua calda e stura lavandini

Se non avete in casa nessun ingrediente che potrebbe aiutarvi a sgorgare gli scarichi, non dimenticate il vecchio stura-lavandini. Si tratta di uno dei mezzi più utilizzati anche dagli idraulici per risolvere gli ingorghi meno problematici. Insistete facendo pressione con lo stura lavandini e provate a versare a poco a poco dell’acqua molto calda, per smuovere l’ingorgo.

Per riuscire a sbloccare l’ingorgo nello scarico di un lavandino, potrebbe esservi utile ricorrere ad un bastoncino metallico (gli idraulici usano, ad esempio, spirali metalliche). Provate con del fil di ferro o con un ferro per il lavoro a maglia.

Detersivo per i piatti

Si tratta di un rimedio valido soprattutto per lo scarico del lavello della cucina. Le tubature infatti possono intasarsi facilmente a causa di residui di cibo, grasso e sporco provenienti dal lavaggio dei piatti. Il detersivo potrebbe dunque essere utile per sbloccare la situazione. Utilizzando un detersivo per piatti ecologico, limiterete l’inquinamento. Versatene mezzo bicchiere nello scarico e lasciate agire il più possibile in modo che l’ingorgo possa smuoversi o sciogliersi. Poi provate a versare dell’acqua calda a poco a poco per facilitare l’operazione.

Shampoo e bagnoschiuma

Se invece il problema degli scarichi bloccati dovesse riguardare il bagno, provate a servirvi di ciò che avrete a portata di mano più facilmente, cioè shampoo e bagnoschiuma. Se sarete fuori casa tutto il giorno, o se il problema si verifica durante la notte, provate a versare mezzo bicchiere di shampoo o bagnoschiuma negli scarichi e a lasciare agire il più possibile. Al ritorno, completate versando acqua bollente per verificare l’efficacia del rimedio. Nel caso di alcuni ingorghi, la soluzione migliore è l’attesa, che potrebbe anche essere breve.

Bibite gassate

Le bibite gassate non sono di certo salutari, ma possono essere utili per sgorgare gli scarichi domestici, soprattutto nel caso del WC, in assenza di altri rimedi e se non avete tempo di attendere a lungo. Le più comuni bibite gassate sono così potenti da riuscire a liberare anche gli scarichi intasati dagli ingorghi più difficili in pochi minuti. Provate per credere, versandole negli scarichi in caso di emergenza. Leggi anche: 10 usi alternativi della Coca Cola

Soda da bucato (Carbonato di sodio)

Per liberare gli scarichi, ma anche per prevenire la formazione degli ingorghi, potete ricorrere alla soda da bucato (meglio nota come Soda Solvay). Non si tratta di soda caustica (idrossido di sodio) ma di un prodotto ecologico in polvere per la pulizia della casa (carbonato di sodio), facilmente reperibile tra gli scaffali del supermercato accanto ai detersivi per la lavatrice. Versatene almeno 4 cucchiai – a seconda dell’ingorgo – nello scarico e fate seguire da un litro di acqua bollente.

Bicarbonato e aceto

Il bicarbonato e l’aceto, quando vengono abbinati, creano una reazione chimica che può favorire lo sblocco degli ingorghi nelle tubature: l’acido acetico, infatti, reagisce con il bicarbonato, basico, liberando anidride carbonica, gas che produce l’effervescenza in grado di rimuovere intasature di cibo, capelli e sapone. Se il problema fatica a risolversi ai primi tentativi, versate senza problemi anche un intero bicchiere di bicarbonato e almeno mezzo litro di aceto nello scarico. Fate seguire il tutto da un litro di acqua calda e attendete. Se il problema non dovesse risolversi subito, riprovate dopo un po’, magari aiutandovi anche con mezzi meccanici.

Acido citrico e bicarbonato

Con acido citrico e bicarbonato otterrete una reazione molto simile a quella tra l’aceto e il bicarbonato sopra descritta per quanto riguarda l’effetto di sblocco degli ingorghi , ma l’acido citrico ha il vantaggio di essere meno inquinante dell’aceto una volta disperso nell’ambiente, quindi tra le due, consigliamo questa e di ricorrere all’aceto solo se in casa non avete a disposizione acido critrico. Il procedimento è molto simile:

Acqua calda, sale e aceto

Se non avete acido citrico in casa, ecco un’altra soluzione che prevede ingredienti sempre presenti in cucina. Vi occorreranno 500 millilitri di aceto di vino bianco, 1 litro d’acqua e 5 cucchiai di sale grosso:

  • Riscaldate l’aceto in un pentolino e l’acqua in una pentola a parte.
  • Versate il sale grosso nell’acqua e mescolate.
  • Poi occupatevi degli scarichi utilizzando prima l’aceto e poi l’acqua bollente salata e attendete.

Soda caustica

Ricorrete alla soda caustica (idrossido di sodio, la stessa soda che si utilizza per fare il sapone in casa) soltanto se il problema è molto grave e se i rimedi precedenti non hanno funzionato, oppure se è l’unico ingrediente utile che avete a portata di mano, al di fuori dei classici prodotti per gli scarichi. Non dimenticate le precauzioni: indossate dei guanti, non toccate mai la soda con le mani, se potete proteggete gli occhi con una mascherina o con degli occhiali. Versate due cucchiai di soda lungo i tubi di scarico, fate seguire da acqua bollente, allontanatevi e lasciate agire. (Leggi anche: Soda caustica: utilizzi in casa e tutte le precauzioni

Ti potrebbe interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook