I tuoi contenitori per alimenti sono diventati opachi e macchiati? I trucchi per farli tornare allo splendore

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I contenitori di plastica rigida rappresentano un valido aiuto in molte case: solitamente sono pensati per andare tanto in frigo quanto nel microonde, possono aiutarci a portare il nostro pranzo in ufficio o in università e ci permettono di conservare gli avanzi del giorno prima senza sprechi.

Ne esistono di tutte le forme e di tutti i colori ma, a lungo andare, presentano tutti lo stesso inconveniente: diventano irrimediabilmente opachi, perdendo la loro trasparenza (o il loro colore) originari. Questo soprattutto a causa di alcune sostanze ‘aggressive’ della plastica, presenti in alimenti come pomodori e peperoncino.

Come fare dunque per proteggere i nostri contenitori dall’usura e dai lavaggi? Bastano un po’ di detersivo per piatti, zucchero, ghiaccio e acqua frizzante: si spolvera con lo zucchero il fondo del contenitore (fino a ricoprirne la superficie), poi si aggiungono il detersivo e i cubetti di ghiaccio, infine si riempie il contenitore con acqua frizzante fino al bordo. Dopo un tempo di posa di un’oretta, è possibile lavare il contenitore e l’opacità dovrebbe essere sparita (se necessario, ripetere tutto il procedimento).

Per quanto riguarda invece quello sgradevole alone di unto che spesso compare nei nostri contenitori e che è così difficile da eliminare, possiamo utilizzare degli sgrassanti naturali come ad esempio il succo di limone: basterà lasciar agire un po’ di succo in purezza all’interno del contenitore prima di lavarlo con il normale detersivo per i piatti e l’alone sparirà senza sforzo.

Anche il bicarbonato di sodio può aiutarci a rendere i nostri contenitori in plastica più puliti: si può mescolare qualche cucchiaio di polvere con un po’ d’acqua fino a creare una crema densa da lasciar agire qualche minuto prima di risciacquare. Attenzione a non utilizzare l’aceto per sgrassare e deodorare i contenitori in plastica! L’aceto, infatti, è altamente dannoso se disperso in acqua e contribuisce all’inquinamento degli oceani.

(Leggi anche: Aceto: quando NON usarlo nelle pulizie e con cosa sostituirlo)

Ad ogni modo, è sempre bene ricordarlo: la plastica inquina e anche i contenitori per alimenti di ottima qualità (che ci sono costati cari) finiscono per degradarsi e rilasciare microplastiche nell’acqua con cui li laviamo e nel cibo che contengono a furia di utilizzarli. Meglio quindi preferire contenitori in vetro, in metallo o in terracotta. Una buona idea è anche quella di riutilizzare i vasetti vuoti di marmellate e conserve per conservare i nostri alimenti in frigo o in dispensa: in questo modo eviteremo di creare rifiuti e di comprare nuovi contenitori – un risparmio per le nostre tasche a vantaggio dell’ambiente!

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook