Questi sono i trucchi da usare ogni giorno per eliminare la muffa dalla tua casa per sempre

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La muffa bisogna eliminarla quanto prima dalle nostre camere, ma qual è il metodo migliore per ridurre le possibilità che si formi?

È antiestetica, certo, e anche maleodorante, ma quello che non tutti sanno è che la muffa in casa può mettere anche a repentaglio la nostra salute. Si associa infatti a una maggiore prevalenza di sintomi respiratori, ad asma e a danni funzionali respiratori. Va da sé, quindi, che la muffa bisogna eliminarla quanto prima dalle nostre camere, ma qual è la strategia migliore per ridurre le possibilità che si formi?

Presto, in un nostro prossimo articolo, Fabrizio Zago, chimico e fondatore del Biodizionario e di EcoBioControl, ci spiegherà nei minimi dettagli come debellare la muffa con acqua ossigenata e soda. Noi intanto conosceremo, grazie al Ministero della Salute, tutte le misure per ridurre l’esposizione alle muffe

Leggi anche: Rimedi naturali contro la muffa in casa

La muffa altro non è che un fungo che si manifesta sotto forma di macchie verdi o nere sulla superficie dei muri o dei soffitti, sui bordi delle finestre, sui mobili o sui tappeti, in bagno, in cucina e ovunque vi sia un elevato tasso di umidità. Le cause della sua diffusione possono attribuirsi anche a sistemi di riscaldamento non installati correttamente o poco efficaci. Ma questo non è il solo disagio. La muffa emana tossine nell’aria, dannose per gli esseri umani: i loro effetti si manifestano attraverso un indebolimento del sistema immunitario e con l’apparizione di difficoltà respiratorie. 

Molti sono i metodi fai-da-te per eliminarla, ma senza dubbio una cosa è certa: non serve la candeggina come molti credono! Le sue componenti, infatti, possono portare la muffa a diffondersi ulteriormente, peggiorando il problema invece di risolverlo. 

Misure per ridurre l’esposizione alla muffa

  • assicurarsi che i muri esterni, le fondamenta, i sottotetti e l’attico siano isolati e ben ventilati
  • cercare di mantenere all’interno dell’abitazione un’umidità inferiore al 50%
  • assicurarsi che non vi sia terra o altro materiale che possa drenare l’umidità a diretto contatto con i muri della casa
  • non usare tappeti o moquette in zone con alta umidità come bagno, cucina, lavanderia
  • non lasciare i vestiti stesi ad asciugare per molto tempo in ambienti chiusi poco ventilati
  • cercare di eliminare fenomeni di condensa che spesso sono causa di umidità; in presenza di condense è consigliabile aerare frequentemente l’ambiente
  • eliminare le macchie di muffa con tinture speciali antimuffa a base di acqua
  • assicurare la corretta manutenzione di umidificatori e condizionatori e del sistema di ventilazione meccanica, in particolare delle bocchette esterne e dei filtri
  • pulire regolarmente le guarnizioni dei frigoriferi; vuotare e pulire frequentemente le vaschette dell’acqua nei frigoriferi autosbrinanti (Leggi qui: Come pulire le guarnizioni del frigorifero: trucchi, consigli e perché dovresti farlo più spesso)
  • lavare regolarmente le tende della doccia, il lavandino, la vasca e le pareti di bagno e cucina magari con questa candeggina fatta in casa
  • limitare il numero delle piante ornamentali (le muffe possono essere aerodisperse quando le piante sono reinvasate, spostate o annaffiate, e comunque aumentano l’umidità ambientale)
  • i depuratori di aria muniti di filtri adeguati possono essere efficaci nel rimuovere le spore fungine

Leggi tutto sulla muffa

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook