Recinzioni esterne fai da te: 7 idee geniali con materiali di riciclo, dai pallet alle vecchie porte

Rami dipinti, vecchi bancali di legno, tronchetti, testate del letto, persino sci! Ecco come realizzare dei bellissimi e originali recinti con i più disparati materiali

Costruire le recinzioni esterne non è una cosa semplicissima, ma se gli spazi da recintare non sono troppo estesi e abbiamo un po’ di dimestichezza con il bricolage, potremmo provare a realizzarle con le nostre mani recuperando diversi tipi di materiali. Per esempio i versatili bancali di legno e per i più fantasioni persino porte e testate del letto.

Recinzione con bancali di legno

Prima idea: la recinzione con i bancali di legno. Carina vero!? Ma come si fa? Recupera un tot di bancali (il numero dipende dalla lunghezza del recinto), passali con la carta vetrata, verniciali tutti dello stesso colore. Utilizzali per creare il recinto unendoli gli uni agli altri con viti e avvitatore.

In alternativa taglia la parte superiore delle singole tavole come nell’esempio e unisci i diversi bancali per formare una singolare staccionata, che naturalmente puoi anche verniciare.

Recinzione con rami dipinti

Puoi anche recupare un gran numero di rami e bastoni, tagliarli più o meno della stessa altezza e dipingerli con le vernici per legno adatte all’esterno. Dovrai unirli con del fil di ferro e conficcarli nel terreno.

Recinzione con vecchi sci

Decisamente originale l’idea di costruire una recinzione recuperando i vecchi sci, collocandoli in piedi uno dopo l’altro.

Recinzione con testate del letto

E che dire della recinzione con le testate da letto? Se lo spazio che devi recintare non è troppo esteso, potrebbero bastartene molte meno. In ogni caso dovrai verniciarle e inficcarle nel terreno, in modo che rimangano stabili.

Recinzione con porte

Vai matto per “Alice nel paese delle meraviglie”? Il recinto che fa per te è quello realizzato con le vecchie porte. Inizia a spulciare nei mercatini dell’usato, fai qualche ricerca online, chiedi ad amici e conoscenti di tenertele da parte: una volta accumulato il numero necessario, sistemale e verniciale. A questo punto puoi iniziare a costruire il tuo fantastico recinto.

Recinzione con tronchetti di legno

Oltre ai rami è possibile recuperare anche dei tronchi di legno, affiancarli e inficcarli nel terreno.

Recinzione con rami intrecciati

Un’ultima idea consiste nell’intrecciare dei lunghi rami flessibili per creare un recinto fai da te dall’aspetto rustico e naturale, in perfetta sintonia con l’ambiente circostante. Ideale per i giardini ma anche per gli orti.

Non vuoi perdere le nostre notizie?

Leggi anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Iscriviti alla newsletter settimanale
Seguici su Facebook