Palle di neve: le origini del souvenir più famoso del mondo e qualche idea fai da te

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Quali sono le origini delle famosissime palle di neve? Da dove arrivano e chi le ha inventate? Ecco tutto ciò che c'è da sapere e come realizzarle con un semplice barattolo di vetro

Sono uno dei souvenir più famosi al mondo, meraviglie dal fascino intramontabile, simbolo del Natale, le cui origini sono ben più antiche di quanto immaginiamo. Il primo “antenato” delle palle di neve venne messo in mostra durante l’Esposizione Universale di Parigi del 1878, ma a quanto pare simili sfere esistevano già agli inizi del XIX secolo. Tuttavia il loro inventore ufficiale è l’austriaco Erwin Perzy.

Palle di neve: le origini

Il loro inventore ufficiale è l’austriaco Erwin Perzy, produttore di utensili e strumenti chirurgici che le concepì per caso mentre lavorava alla produzione di lampade per illuminare le sale operatorie. Durante i suoi esperimenti, riempì una boccia di vetro con acqua e granelli di vari materiali riflettenti, posizionandola di fronte a delle candele che ne riflettessero la luce.

Notò che le particelle galleggiavano posandosi poi sul fondo. L’idea evidentemente non funzionava ma Perzy ebbe un’intuizione: provò a inserire la miniatura di una chiesa al loro interno, dando vita cosìalla primissima palla di neve (Schneekugel) per come la conosciamo oggi. La brevettò e fu un successo!

Ancora oggi il laboratorio di Perzy a Vienna, l’Original Wiener Schneekugelmanufaktur, gestito dai suoi discendenti, realizza palle di neve artigianali. Se l’acqua in esse contenuta è normalissima acqua corrente, e le figure al loro interno oggigiorno sono prodotte con stampanti 3D, nessuno conosce invece il segreto della neve artificiale di cui sono composte, che deve rigorosamente scendere con lentezza, altrimenti non è un’autentica Perzy.

Non solo Austria però, le palle di neve nel corso del tempo sono diventate famose in tutto il mondo e oggi è possibile trovarle praticamente ovunque. Non tutte sono di qualità, ma la magia della neve è sempre gradita!

Palle di neve fai da te

Non sono paragonabili alle mitiche palle di neve austriache, ma grazie al riciclo creativo è possibile realizzare delle alternative handmade decisamente carine.

Cosa occorre?

  • Barattoli circolari (o di altre forme) provvisti di tappo
  • Elementi in miniatura (pini, pupazzi di neve, cerbiatti, giocattoli natalizi ecc.)
  • Glitter
  • Acqua distillata.

Procedimento

  • Incolla sul tappo gli elementi in miniatura prescelti utilizzando la colla a caldo.
  • Versa nel barattolo un po’ di glitter e poi aggiungi l’acqua fino all’orlo.
  • Chiudi il barattolo con il tappo e capovolgilo in modo che il tappo diventi la base della palla di neve.
  • Aggiungi un nastro decorativo.

L’aggiunta dell’acqua rende il lavoretto più simile alle palle di neve autentiche, ma puoi anche non utilizzarla. Il risultato è comunque meraviglioso.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018. Appassionata di viaggi, folklore, maschere tradizionali. Si occupa anche di tematiche ambientali, riciclo creativo e fai da te. Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo". Nel 2018 ha dato vita a Mirabilinto, labirinto di meraviglie illustrate.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook