Knitting: ti spieghiamo come fare a maglia lo “snood” della coinquilina di Mercoledì, la serie Netflix di cui tutti parlano

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Lo "snood", ovvero una sciarpa che si trasforma in cappuccio, è un progetto facile da realizzare anche per chi è alle prime armi, e può essere una bellissima idea regalo per il Natale che si avvicina

La serie TV “Wednesday”, targata Netflix e ispirata al cult della Famiglia Addams, è la serie del momento: tutti ne parlano, tutti canticchiano la colonna sonora Bloody Mary (brano realizzato dalla cantante Lady Gaga apposta per il format), tutti imitano il look gotico e tenebroso della giovane protagonista (Jenna Ortega).

Il mondo dei social è letteralmente impazzito: si moltiplicano i tutorial per replicare l’acconciatura con le trecce di Mercoledì Addams o per creare outfit ispirati ai personaggi della serie – utilizzando capi di abbigliamento in vendita nei negozi o addirittura spiegando come realizzarli in casa.

Oggi vi spieghiamo come realizzare ai ferri lo snood indossato da Enid Sinclair, compagna di stanza e migliore amica di Mercoledì Addams alla prestigiosa Nevermore Academy. Lo snood non è altro che una “sciarpa infinita”, ovvero una sciarpa tubolare molto alta che può essere messa anche sul capo e fungere da cappuccio, oltre che da sciarpa.

Realizzare questa sciarpa è davvero facilissimo: i punti sono quelli base (ma proponiamo qualche variante un po’ più complessa, per chi ha già un po’ di dimestichezza con i ferri) e la lavorazione richiede poco tempo. Si tratta, inoltre, di una bellissima idea regalo handmade per Natale, da regalare – perché no! – a una grande fan della serie di Netflix.

Ma bando alle ciance e cominciamo a sferruzzare!

Occorrente

  • 600 grammi di lana: non suggeriamo un marchio in particolare, né un materiale specifico – l’importante è che sia un filato “grosso” e adatto a essere lavorato con un paio di ferri numero 10 (il tipo di ferri da utilizzare è indicato sull’etichetta). Per ottenere un lavoro che dia una buona vestibilità e che duri nel tempo, suggeriamo di evitare i gomitoli di pura lana, ma di preferire quelli che abbiano al loro interno anche una percentuale di fibre sintetiche.
lana

Noi abbiamo scelto questo filato melange ricco di sfumature, composto anche da una percentuale di fibre sintetiche (@greenMe)

  • Un paio di ferri numero 10
  • Un ago per la lana senza punta
  • Un paio di forbici

Competenze minime

  • Avvio del lavoro ai ferri
  • Lavorazione a maglia rasata (un ferro dritto, un ferro rovescio)
  • Chiusura del lavoro

Procedimento

  • Iniziamo avviando 80 maglie, corrispondenti a circa 75 centimetri: esse rappresenteranno l’altezza del nostro snood. Controlliamo con un metro da sarta se abbiamo effettivamente coperto i 75 centimetri, altrimenti aggiungiamo un po’ più di maglie. Se vogliamo uno snood più avvolgente, possiamo avviare un numero di maglie maggiore – ma consideriamo che avremo bisogno di più lana.
  • Procediamo poi lavorando a maglia rasata, alternando un ferro a dritto e uno a rovescio: questa è la lavorazione in assoluto più semplice da consigliare, che rende comunque un buon risultato se fatta in maniera regolare – soprattutto se utilizziamo un filato sfumato o melange, come stiamo facendo noi.
  • Le più esperte possono cimentarsi con la lavorazione “a grana di riso”. Si tratta di un pattern di due ferri che si ripete sempre uguale: nel primo ferro alterneremo una maglia dritto e una maglia rovescio; nel secondo ferro faremo al contrario. Si tratta di una lavorazione un po’ più impegnativa, perché richiede attenzione e il continuo passaggio dalla lavorazione a dritto alla lavorazione a rovescio; inoltre, è un tipo di punto che necessita di quantità maggiori di filato.

Ecco come sta procedendo il nostro lavoro (@greenMe)

  • Proseguiamo con la lavorazione scelta fino a raggiungere la lunghezza di 90 centimetri circa, poi concludiamo il lavoro chiudendo le maglie.
  • Non ci resta che cucire insieme i due lati più corti del lavoro, quello di avvio del lavoro e quello di conclusione. Utilizziamo l’ago per la lana e lo stesso filato che abbiamo usato per lavorare lo snood.
  • Affranchiamo e tagliamo i fili pendenti: il nostro lavoro è pronto! Indossiamolo o impacchettiamolo per uno splendido regalo fatto a mano.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono una giornalista e una blogger. Collaboro con le testate GreenMe, Ambiente Magazine e The Wise Magazine e mi occupo di natura, sostenibilità, stili di vita sani e rispettosi dell’ambiente. Sul mio blog “La strega che scrive” parlo di giornalismo, editoria e letteratura

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook