Con l’inizio dell’autunno in molti si preparano a potare le siepi, ma bisognerebbe aspettare ancora un po’

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Con l'inizio dell'autunno in molti si preparano a potare le proprie siepi, ma bisognerebbe aspettare ancora un po' e ti spieghiamo il motivo per cui rimandare l'intervento di manutenzione

Prendersi cura di un prato o delle siepi dà tante soddisfazioni ma, indipendentemente da quanto l’erba del vicino sia più o meno verde, queste attività richiedono anche molto impegno tra semina, irrigazione e taglio.

Un po’ come per il manto erboso, anche i cespugli vanno potati nelle stagioni di transizione ossia in primavera e in autunno, preparandole così all’arrivo dell’estate e dell’inverno.

Con il primo giorno di autunno in molti non vedono l’ora di dedicarsi alle siepi, progettando già gli interventi in giardino. Ma, così come il prato non andrebbe tagliato a maggio per non danneggiare gli insetti, per il mese di settembre bisognerebbe attendere ancora un po’ prima di lanciarsi nella manutenzione del verde.

Il motivo è molto semplice. Sebbene l’estate sia ufficialmente finita molti uccelli cercano protezione e cibo proprio tra i cespugli. Potarli in questi ultimi giorni del mese significherebbe disturbare enormemente questi animali e i loro nidi, molti dei quali potrebbe essere falciati via.

In alcuni Paesi, come la Germania ad esempio, è vietato potare drasticamente le siepi dal 1° marzo al 30 settembre proprio per questa ragione, mentre è consentito accorciare solamente alcuni rami sporgenti o malati durante l’anno.

Il consiglio è perciò quello di attendere il mese di ottobre per la potatura delle siepi. Questo è considerato il momento più propizio per preparare i cespugli al freddo invernale.

Fonte: Dejure

Non perderti tutte le altre nostre notizie, seguici su Google News e Telegram

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook