Rosmarino e potatura, vanno d’accordo a gennaio? Tutto quello che bisogna sapere

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il rosmarino è una pianta aromatica tra le più diffuse, ma come fare per potarla? Ecco tutti i consigli per procedere con la potatura del rosmarino a gennaio

Tra le piante aromatiche più conosciute e utilizzate in cucina vi è senza dubbio il rosmarino.

Questa pianta è facile da coltivare poiché ha una grande capacità di resistere anche in condizioni poco ottimali, l’importante è procedere regolarmente con la potatura in modo da farla crescere rigogliosa e sana.

Infatti, se i rami diventano troppo legnosi il tuo rosmarino non riuscirà a crescere in modo ottimale.

Procedere con la potatura del rosmarino significa, innanzitutto, eliminare i rami vecchi e morti, in modo da prevenire l’insorgere di malattie e funghi.

Ma quando potare il rosmarino? Il periodo migliore per potare questa pianta è verso la fine dell’inverno oppure a inizio estate. Il motivo? Gli steli sono molto vulnerabili al freddo, per cui è essenziale evitare di tagliare i rami quando fuori le temperature sono troppo basse.

Quindi, il consiglio è evitare di procedere con la potatura a gennaio, in caso contrario è bene ricordare di:

  • usare cesoie igienizzate e ben affilate
  • non rimuovere più di un terzo delle dimensioni della pianta
  • i rami legnosi non devono essere tagliati sotto l’ultima serie di foglie, poiché una potatura eccessiva potrebbe causare la sterilità e la morte della pianta stessa.

Il rosmarino può propagato anche per talea, ma così come la potatura anche questa operazione va eseguita in primavera oppure in autunno. Ecco come fare:

  • preleva un rametto semi legnoso di circa 15 centimetri
  • il taglio alla base deve essere obliquo e appena sotto un nodo
  • l’altro taglio si fa all’apice del rametto
  • rimuovi le foglie, lasciando solo una piccola parte all’estremità
  • la talea di rosmarino può essere messa subito in vaso in un terriccio da tenere sempre umido, oppure in acqua.

Se si sviluppa in acqua ricordati di trasferire la pianta in vaso solo quando e se le radici sono ben sviluppate.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube 

Ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook