Ecco l’ora giusta in cui dovresti innaffiare le tue piante

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Con il caldo estivo, le nostre piante soffrono la sete. Ma qual è il momento migliore della giornata per innaffiarle senza danneggiarle?

A causa dell’aumento delle temperature che stiamo sperimentando in questi giorni e della quasi totale assenza di piogge, le nostre piante in giardino o sul balcone soffrono la sete. Ma qual è il modo e, soprattutto, l’orario più indicato per innaffiarle e per fare in modo che la nostra attenzione nei loro riguardi non evapori sotto il sole cocente?

Molto dipende innanzitutto dalla pianta che abbiamo davanti, poiché non tutte le specie vegetali necessitano dello stesso fabbisogno di acqua: ad esempio, le piante grasse hanno bisogno di pochissima acqua per sopravvivere e hanno la capacità di immagazzinare quella in eccesso in modo da sopportare meglio i periodi di siccità.

Al contrario piante mediterranee, erbe aromatiche o piante con fiori hanno bisogno di maggiori quantità di acqua. Se iniziamo a notare la perdita delle foglie o l’ingiallimento di queste, unito ad un generale deperimento della pianta stessa, dobbiamo correre subito ai ripari dando acqua alla nostra piantina prima che sia troppo tardi.

Anche l’intervallo fra un’irrigazione e un’altra dipende da molti fattori, primo fra tutti la temperatura. Tuttavia, anche il livello di esposizione della pianta ai raggi solari e la grandezza del vaso incidono sul successo o l’insuccesso delle nostre cure.

Leggi anche: Tutti i trucchi per continuare ad innaffiare le tue piante anche mentre sei in vacanza

Come regola generale, consigliamo di innaffiare la pianta ogni volta che, toccando il terriccio all’interno del vaso, lo percepiamo completamente asciutto:

  • Per i vasi di grosse dimensioni, suggeriamo un’innaffiatura abbondante e a distanza di tempo: la grande quantità di terriccio presente riesce a trattenere più a lungo l’umidità, poiché i raggi solari asciugano solo il substrato superficiale.
  • I vasi di piccole dimensioni, invece, hanno bisogno di attenzioni costanti – soprattutto ora che fa particolarmente caldo: l’umidità contenuta nel poco terriccio, infatti, tende a evaporare velocemente, e questo ci costringe a innaffiare la pianta poco ma tutti i giorni.

Ma qual è il momento migliore per innaffiare le piante?

Sconsigliamo di dare acqua nelle ore più calde della giornata, quando l’azione dei raggi solari è massiccia: lo shock termico fra l’alta temperatura dell’ambiente e quella più fresca dell’acqua sarebbe eccessivo per le radici e la forte evaporazione provocherebbe la rapida perdita dell’umidità disponibile.

Meglio innaffiare le nostre piante al mattino presto o la sera tardi: in questi momenti il clima è fresco e l’acqua evapora più lentamente, prolungando l’azione benefica dell’innaffiatura.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook