Mettere l’aspirina nelle tue piante come consigliano in tanti è davvero una buona idea?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L'aspirina usata in giardino può avere diversi effetti sulle tue piante. E' stato dimostrato che favorisce la crescita, protegge le piante da parassiti e funghi e aiuta la propagazione per talea. Scopriamo insieme tutti gli usi dell'aspirina per le piante.

Ecco il carrello smart per la spesa

L’uso dell’aspirina in giardino può avere un effetto benefico dimostrato scientificamente su molte delle tue piante, ma ha anche delle controindicazioni da non sottovalutare

L’acido acetilsalicilico è il principio attivo dell’aspirina ed è derivato dall’acido salicilico, che si trova naturalmente nella corteccia di salice e in molti altri alberi. Secondo alcune ricerche, questo toccasana naturale può davvero migliorare la salute delle tue piante.

Scopriamo insieme tutti gli effetti benefici di questo farmaco in giardino. (Leggi anche: Uno strano effetto dell’aspirina può aiutare a proteggere dall’inquinamento atmosferico)

L’aspirina e i benefici sulla crescita delle piante 

L’uso dell’aspirina sulle piante sembra essere benefico, ma la domanda è: perché? Apparentemente, le piante producono da sole piccole quantità di acido salicilico quando sono stressate. Questa piccola quantità le aiuta a far fronte quando sono sotto attacco di insetti, oppure quando sono troppo secche e denutrite, e forse anche in presenza di una malattia. 

Questo componente aiuta a rafforzare il sistema immunitario della pianta, proprio come fa per noi. Una soluzione diluita di acqua e aspirina fornisce una germinazione accelerata, e una certa resistenza a malattie e parassiti.

È stato dimostrato che l’aspirina aumenta le dimensioni e la resa delle piante. 

Il motivo? L’acido salicilico migliora la risposta immunitaria nelle piante, che in questo modo riescono a difendersi dall’attacco di microbi o insetti. 

I giardinieri dell’Università del Rhode Island hanno spruzzato una miscela di acqua di aspirina sui loro orti e hanno scoperto che le piante crescevano più rapidamente ed erano più fruttuose di un gruppo di controllo non trattato.

L’aspirina, inoltre, produceva piante più sane rispetto al gruppo di controllo. Il team ha utilizzato una dose di tre aspirine (da 250 a 500 milligrammi) mescolate con circa 11,5 litri di acqua.  La soluzione è stata spruzzata ogni tre settimane durante la stagione di crescita.

Benefici dell’aspirina sulle piante

Di seguito alcuni dei benefici dell’aspirina sulle piante.

Aiuta i fiori recisi a vivere più a lungo 

L’aspirina aiuterebbe le piante e i fiori recisi a vivere più a lungo. Come? Questo farmaco svolgerebbe un’azione protettiva, in modo da stimolare la crescita.

Come agisce? E’ stato dimostrato che l’acido salicilico contenuto nell’aspirina blocca l’azione dell’etilene responsabile dall’appassimento. Quindi, in caso di fiori recisi il consiglio è aggiungere metà aspirina in un litro di acqua, e versare la soluzione nel vaso dei fiori.

Pesticida contro parassiti e malattie fungine

L’aspirina può essere usata come pesticida e come fungicida.

Ci sono alcune prove che suggeriscono che l’acido salicilico può svolgere un ruolo nella prevenzione delle malattie delle piante, ma non è curativo. In uno studio, gli scienziati hanno spruzzato su alcune piantine di pomodoro un po’ di acido salicilico spray.

Dopo l’irrorazione, le piante sono state esposte a un patogeno, in particolare i batteri che causano la malattia della cima viola della patata. L’irrorazione precoce dell’aspirina ha ridotto di quasi la metà la diffusione dei batteri.

Tuttavia, le applicazioni di acido salicilico dopo che l’infezione batterica si era già diffusa sembravano avere un effetto minimo o nullo, probabilmente perché la pianta era già stata infettata. Quindi, si ritiene che l’applicazione anticipata dell’acido abbia innescato una resistenza sistemica preventiva, che ha contribuito a contrastare le infezioni. 

Di conseguenza, non è chiaro se l’uso dell’aspirina in giardino porta a un migliore sistema immunitario per la pianta.

Quindi, per riassumere, mentre è possibile che si possano usare compresse di aspirina disciolte in acqua per prevenire alcune malattie batteriche delle piante, questo medicinale non è davvero un deterrente per i parassiti.

Aumenta la tolleranza delle piante

Puoi migliorare la tolleranza alla siccità di una determinata pianta con l’uso dell’aspirina?

Alcuni studi suggeriscono che questo potrebbe effettivamente essere vero, poiché l’acido salicilico e l’acetilsalicilico possono anche essere efficaci nel migliorare le tolleranze delle piante a vari problemi.

Infatti, proprio come l’aspirina attiva i sistemi di difesa contro le infezioni batteriche, può attivarli anche per stimolare la pianta a proteggersi da altre condizioni.

Ovviamente, occorre sottolineare che l’irrigazione e la manutenzione costanti delle foglie e degli steli danno un effetto migliore di quello che si ottiene spruzzando dell’acqua con aspirina.

Favorisce la propagazione per talea

L’utilizzo dell’aspirina può favorire la propagazione per talea. Il motivo? L’acido salicilico favorisce la radicazione.

Una ricerca, ad esempio, ha dimostrato come questo composto favorisca la propagazione delle radici e dei germogli della soia; quindi, in una tazza con acqua sciogli una compressa di aspirina e, subito dopo, immergi la talea nella soluzione e lasciala per qualche ora.

Aspirina per i pomodori

Alcuni sostengono che puoi usare l’aspirina per migliorare i raccolti, ottenere piante più sane e foglie più robuste. Ovviamente, sono necessari ulteriori test molto più approfonditi per ottenere risultati accurati.

Di conseguenza, usare l’aspirina sulle piante di pomodori non è certo che possa andare a influenzare e migliorare il raccolto.

Nel complesso, possiamo affermare che uno spray di soluzione di aspirina può avere degli effetti sulle piante; tuttavia, resta da vedere se questi siano effetti benefici.

Non è un farmaco miracoloso per il pomodoro, certamente non aiuta con il radicamento e, sebbene possa aiutare con le risposte sistemiche, la scienza non ha ancora scoperto se funziona a lungo termine.

Controindicazioni e accortezze

Ci sono alcuni potenziali effetti collaterali soprattutto se l’aspirina viene usata in modo improprio; ad esempio, le piante possono sviluppare macchie marroni sulle foglie, simili a bruciature. Il modo migliore per proteggerle è spruzzare la mattina presto, in modo che le foglie abbiano la possibilità di asciugarsi prima di sera.

Un altro effetto collaterale dell’uso dell’aspirina sulle piante assolutamente da non sottovalutare, riguarda le api e tutti gli altri insetti impollinatori che potrebbero essere danneggiati dagli effetti dell’aspirina. Questi insetti sono più attivi una volta che il sole ha “baciato” le piante, quindi se si desidera utilizzare l’aspirina è bene usarla principalmente per le piante d’appartamento o prima che il sole faccia capolino in modo da proteggere le api e altri insetti.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook