Erbe aromatiche: non solo muffa, le 6 principali malattie che possono attaccare e far morire le tue piante

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Quali sono le malattie che più spesso colpiscono le tue piante aromatiche? Queste 6 sono tra le più comuni, come riconoscerle e prevenirle

Sei sicuro di conoscere tutte le malattie che possono colpire le tue piante di erbe aromatiche? Scopri quali sono le più comuni e come difenderti quando si presentano.

La muffa può essere uno dei problemi maggiori per i coltivatori inesperti: dare troppa acqua nel momento sbagliato, può far marcire le radici o creare muffa sulla superficie del terriccio. Ciò nonostante, questo comune errore non è l’unico che può danneggiare le tue piante di erbe aromatiche. Leggi anche: Malattie delle piante aromatiche: come riconoscere e debellare parassiti, funghi e muffe che le colpiscono

Impara a riconoscere queste 6 malattie nel dettaglio così da poterle contrastare velocemente, nel caso in cui dovessero presentarsi:

Oidio

oidio

L’oidio malattia è causata da un fungo che lascia una leggera polvere sulle foglie, steli e fiori delle piante. Per evitare che si diffonda nel tuo giardino devi eliminare le parti infette e fare un buon drenaggio alla pianta. Inoltre, è consigliabile posizionare la pianta dove può godere di una buona circolazione dell’aria ed eseguire innaffiature aeree solo in mattinata, così da consentire alla pianta di asciugarsi completamente

Potresti trovare dei fungicidi in commercio per lo oidio, ma puoi anche provare ad eliminarlo con una soluzione composta da un litro di acqua e un un cucchiaino di bicarbonato.

Peronospora

peronospora

La peronospora infetta la tua pianta per colpa di organismi simili a funghi, e colpisce molto spesso proprio le piante aromatiche, non a caso è conosciuta come la malattia killer per il basilico. Questa malattia è particolarmente diffusa in un clima umido. La puoi riconoscere perché causa lo scolorimento della parte superiore della foglia, mentre la parte inferiore presenta muffe bianche o grigie.

Purtroppo, non sono disponibili fungicidi per questa malattia, ed è quindi necessario distruggere il fogliame o addirittura l’intera pianta se la ha contagiata troppo in profondità. Per evitare l’insorgere di questa malattia, non posizionare le tue piante troppo vicine le une alle altre ed evita di innaffiarle di sera.

Macchia nera

La macchia nera è una malattia meno problematica di altre, e che colpisce soprattutto le rose. Non uccide le piante, anche se tende ad indebolirle abbastanza da farle contagiare da altre malattie.

Appare durante periodi freschi ed umidi, ed inizia proprio con una piccola macchia nera che poi porta tutto il fogliame a perdere di colore. Per salvare la pianta infetta e prevenire il contagio delle altre, elimina il fogliame interessato dalla Macchia Nera e mantieni il restante pulito e asciutto.

In alternativa, puoi posizionare la pianta al sole e annaffiare solo le radici.

Fusariosi

La fusariosi delle piante è causato da un fungo (del genere fusarium) che si trova nel terreno del tuo giardino. Le conseguenze per una pianta possono essere devastanti: lo stelo si annerisce e sviluppa marciume, mentre le foglie diventano rachitiche e in generale tutta la pianta diventa più secca. Questo tipo di malattia si sviluppa più facilmente durante i periodi di caldo secco.

Per combattere l’appassimento del fusarium bisogna agira in modo radicale: elimina le piante infette e distruggile, inoltre non potrai piantare la stessa specie in quel punto per i prossimi cinque anni.

Muffa Fuligginosa

La Muffa Fuligginosa viene causata dalla melata, un residuo appicicoso che alcuni insetti lasciano sulle piante. La Muffa Fuligginosa è molto pericolosa per le piante, siccome impedisce una corretta fotosintesi, portandola rapidamente a deperimento.

Gli insetti che rilasciano melata sono afidi, cocciniglie e cicaline

Ruggine

Anche nel caso della Ruggine, si tratta di un’infezione funginea. Questa malattia prende il nome dal fatto che le foglie della pianta colpita svillupano macchie rossastre che eventualmente si anneriscono col tempo. Ci sono diversi funghicidi in commercio, ma se la situazione diventasse troppo estrema, purtroppo potresti essere costretto a rimuovere e distruggere le piante.

Prevenire è meglio che curare

Ora che conosci queste 6 malattie che possono colpire le tue piante aromatiche potrai fare attenzione a:

  • come e quando innaffiare
  • come posizionare meglio le tue piante
  • quali sintomi iniziali non vanno trascurati
  • avere sempre degli insetticidi naturali a disposizione

Salvaguardare le tue piante aromatiche sarà molto più semplice e rischierai di perdere settimane di duro lavoro.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureando in Letterature e Culture Comparate all'Università dell'Orientale di Napoli. Si occupa di letteratura, sport, cucina e ambiente, collaborando anche con una nota rivista letteraria partenopea.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook