Come eliminare le rose appassite per farle tornare a fiorire più splendide di prima il prossimo anno

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Prendersi cura delle rose, che sia un mazzo oppure un vero e proprio cespuglio, è davvero semplice se sai come farlo. Scopriamo insieme tutti i passaggi per eliminare le rose morte e stimolare una nuova crescita

Se le tue rose iniziano ad appassire o mostrano petali marroni, è importante sapere come eliminare le rose morte.

Questo procedimento è essenziale per incoraggiare nuove fioriture e una crescita sana l’anno successivo.

Se non sai come curare correttamente le rose, fai attenzione perché si corre il rischio di sviluppare infezioni fungine che possono portare alla morte dello stelo. Quindi, se vuoi bellissimi fiori per tutta la stagione, ecco come prendersi cura delle rose.

Come potare le rose

Innanzitutto, identifica le rose appassite, ossia quelle i cui fiori sono sbiaditi o con petali che cadono.

Dopo di che, cerca il primo set di cinque foglie sane sullo stelo conosciuta come giunzione a cinque foglie, ed è qui che germoglierà una nuova crescita.

Quindi, il modo giusto per eliminare una rosa morta è tagliare proprio appena sopra il set di cinque o più foglie.

A questo punto, taglia 15 cm sopra questo gruppo usando una delle migliori forbici da potatura. Assicurati di utilizzare un paio di forbici specifiche e progettate proprio per tagliare steli vivi.

Ti consigliamo di effettuare un taglio obliquo, formando un angolo di 45 gradi in modo da non favorire la crescita di funghi e batteri.

Potare un cespuglio di rose

Per potare un cespuglio di rose, rimuovi o taglia gli steli e le foglie morte per incoraggiare una nuova crescita e rendere il cespuglio più ordinato.

È sempre meglio eliminare le rose non appena vedi che iniziano a sbiadire o appassire. Questa procedura favorisce la crescita di nuovi fiori.

Una volta che ti sei sbarazzato di tutti i rami malati, utilizza i fiori che scarti come compost.

Ricorda, inoltre, che da settembre è bene evitare di potare i cespugli e ricominciare con i lavori di giardinaggio all’inizio della primavera successiva.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok |   Youtube

Ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook