Alloro ciliegia, non piantarlo in giardino: dietro la sua bellezza ci sono molte insidie e pericoli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Piantato da molto tempo come arbusto decorativo perenne, in realtà dietro la bellezza dell'alloro ciliegia si celano una serie di pericoli sia per gli esseri umani che per gli animali. Scopriamo insieme perché è bene non piantarlo in giardino.

Piantato da molto tempo come arbusto decorativo perenne, in realtà dietro la bellezza dell’alloro ciliegia si celano una serie di pericoli sia per gli esseri umani che per gli animali. Scopriamo insieme perché è bene non piantarlo in giardino.

L’alloro ciliegia, Prunus laurocerasus, è un bellissimo albero dall’aspetto cespuglioso e compatto che può superare i 5 metri di altezza, ha delle foglie lucide e di forma ovale lunghe circa 10 cm. e dei profumatissimi fiori bianchi.

Fiorisce generalmente in primavera e in autunno e spesso produce bacche nere a grappoli simili a quelle del ciliegio. L’alloro ciliegia è un arbusto a crescita rapida, soprattutto in luoghi freschi e all’ombra, e spesso viene utilizzato per la formazione di siepi, paravento o gruppi di cespugli.

Tuttavia, è bene non piantare l’alloro ciliegia in giardino e a spiegarlo è la NABU (lega tedesca per la tutela della natura) secondo cui si è verificata un’invasione di questi arbusti che ha tolto il posto alle piante autoctone, generando una loro scomparsa ma soprattutto la scomparsa dell’habitat naturale per insetti e uccelli.

Leggi anche: Le 10 piante più velenose

Gli effetti dell’alloro ciliegia sull’uomo, gli animali e la natura

Coltivare un alloro ciliegia nel proprio giardino potrebbe avere gravi effetti sull’ecosistema circostante. Innanzitutto, si tratta di una pianta tossica per il quale anche mangiarne solo poche foglie o qualche bacca espone al rischio di un grave avvelenamento.

Spesso, infatti, i frutti sembrano in apparenza dolci e gustosi, ma l’alta concentrazione di acido cianidrico, rende questa pianta tossica per l’uomo e per gli animali se ingerita accidentalmente.

Tuttavia, gli effetti più gravi sono quelli sulla natura. L’alloro ciliegia ha, infatti, progressivamente soppiantato le specie naturali autoctone in molte aree, distruggendo così la biodiversità.

Le sue foglie, proprio perché trattasi di una pianta velenosa, non hanno attirato l’attenzione degli insetti che avrebbero potuto contribuire alla loro decomposizione.

In conclusione, se stavi pensando di piantare un albero di alloro ciliegia non farlo, piantarlo equivale a commettere un crimine contro la natura e potrebbe essere altamente tossico per te e la tua famiglia.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Leggi anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in sociologia e studentessa in media, comunicazione digitale e giornalismo. Curiosa e creativa, le sue passioni sono la scrittura, gli animali e il buon cibo. La sua lingua madre è il dialetto siciliano.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook