Riscaldare casa con 10 centesimi: con l’aumento delle bollette spopola il metodo delle candele, ma funziona davvero?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le candele sono un buon modo per introdurre un po' di calore in una stanza? Può darsi, ma effettivamente ce ne vorrebbero parecchie se si vuole una temperatura gradevole e soprattutto costante. Diciamo che il metodo delle candele lascia un po' il tempo che trova, meglio affidarsi ad accorgimenti diversi se si vuole sconfiggere il (mostruoso) caro bollette in arrivo

Libera Terra

Riscaldare una stanza della casa con soli 10 centesimi è davvero possibile? C’è chi giura che per tenere i nostri ambienti caldi risparmiando, bastino pochi semplici strumenti: un vassoio di metallo, due vasi di terracotta di grandezza differente e delle candeline. È vero che in tempo di vacche magre va bene tutto, ma quanto potrebbe mai funzionare questo metodo che è tornato agli onori del web?

Con la stangata bollette alle porte, ce le si deve davvero inventare di tutte per risparmiare. Già agli onori delle cronache qualche anno fa, l’idea delle candeline nacque dal giornalista Dylan Winter, che mise a punto un sistema fai-da-te per riscaldare le stanze della casa ad un costo molto contenuto.

Leggi anche: Caro bollette? Trucchi e consigli per farti risparmiare luce e gas mentre cucini

Il sistema è molto semplice: si tratta di posizionare delle candeline accese su un vassoio di metallo. Poi si copriranno le candeline con un primo vaso per fiori in terracotta e poi con un secondo vaso più grande.

riscaldare casa 2

©YouTube

Le candele accese riscaldano l’aria all’interno dei vasi. Entrambi i vasi risultano forati sul fondo e sono posizionati sul vassoio capovolti. Dato che il calore tende a dirigersi verso l’alto, e grazie alla creazione di una corrente di convezione tra aria calda e aria fredda, l’aria calda fuoriuscirà dal foro centrale del vaso più grande e permetterà di riscaldare la stanza in cui avrete posizionato il sistema fai-da-te.

riscaldare casa cover

©YouTube

L’ideatore del progetto spiegava che per riscaldare una normale stanza sarebbero state sufficienti quattro candeline per volta. Ogni candelina accesa ha una durata di 4 ore. Quindi sarebbe sufficiente utilizzare quattro candeline al mattino e altre quattro di pomeriggio per riscaldare la casa nelle stanze in cui si trascorre la maggior parte del tempo. L’aria che fuoriesce dai vasi riuscirebbe a riscaldare l’intera stanza, con un costo di circa 10 centesimi al giorno (o a seconda del prezzo delle candele).

Su YouTube sono svariati i tutorial per questo “progetto”, ma funziona davvero?

Le candele riscaldano davvero una stanza?

Beh, se tanti anni fa questa trovata aveva entusiasmato anche noi, ora possiamo affermare con certezza che siamo molto scettici a riguardo. Se state cercando di riscaldare una stanza con le candele, è inutile dire che, di fatto, bisognerà acquistarne molte. Quante dipende ovviamente dalle dimensioni della stanza e dalla temperatura desiderata. Per una piccola stanza, potreste aver bisogno solo di una dozzina di candele, ma per una stanza più grande anche un centinaio.

Insomma, sicuramente le candele non sono il modo più efficiente per riscaldare una stanza. Se state cercando un modo romantico o pieno di atmosfera per farlo, allora sì, possono funzionare.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: YouTube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook