IMU, via al pagamento dell’acconto entro il 16 giugno: ecco come fare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ancora una decina di giorni per poter pagare l'IMU, l'Imposta Municipale Unica destinata ai proprietari di immobili oltre all'abitazione dichiarata come residenza principale

Giugno è il mese dedicato al pagamento dell’Imposta Municipale Unica sugli immobili, meglio nota come IMU: entro il 16 giugno, infatti, tutti i proprietari di immobili diversi dalla casa usata come abitazione dovranno versare l’acconto dell’imposta per il 2022, corrispondente al 50% della quota; ci sarà tempo fino al 16 dicembre per il saldo.

Chi deve pagare l’IMU

Il pagamento dell’imposta è richiesto a tutti i proprietari di immobili locati sul territorio nazionale, nonché a chi è titolare di un diritto di godimento; per gli immobili in multiproprietà, il pagamento dell’IMU spetta all’amministratore; infine, l’IMU va versata anche dalle società che utilizzano gli immobili per l’esercizio delle loro attività.

A partire da quest’anno tuttavia, sono state istituite delle esenzioni al pagamento dell’IMU: l’esenzione riguarda, in particolare, gli immobili-merce costruiti o ristrutturati a fine di vendita ma rimasti invenduti, che nell’anno passato erano soggetti a imposta con un’aliquota massima dello 0,25% se non locati.

Come si calcola l’IMU

Il valore dell’imposta dipende dal Comune in cui l’immobile è allocato: ogni Comune, infatti, stabilisce autonomamente le aliquote per l’IMU. Si parte da un’aliquota di base pari allo 0,86% per un’abitazione normale, che ciascuna amministrazione comunale può aumentare fino ad un massimo di 1,06% o diminuire fino ad un minimo di 0,76%. Per le altre categorie di immobili le aliquote sono le seguenti:

  • Per l’abitazione principale di lusso l’aliquota è fissata allo 0,5% (aumentabile fino allo0,6% dal Comune)
  • Per fabbricati rurali si parte da un’aliquota base di 0,1% (azzerabile dal Comune)
  • I fabbricati destinati alla vendita (i cosiddetti beni merce) sono esentati dal pagamento dell’imposta a partire dal 1 gennaio 2022.

(Leggi anche: Imu e Tari 2022, a chi spetta e come richiedere lo sconto del 20% previsto dal decreto Rilancio)

Come pagare l’IMU

Come abbiamo detto, l’imposta va pagata in due rate di uguale valore che scadono, rispettivamente, il 16 giugno e il 16 dicembre. Il pagamento può essere effettuato a mezzo bollettino postale o modello F24. Chi volesse estinguere il pagamento dell’imposta in un’unica soluzione, può farlo pagando l’intera somma entro il 16 giugno.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Ministero dell’Economia e delle Finanze

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook