Caro bollette: 6 semplici accortezze per risparmiare gas ed energia quando cucini i tuoi cibi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il modo in cui prepariamo il nostro cibo incide molto sul nostro consumo di energia: ecco qualche consiglio per non sprecare corrente elettrica e gas, senza rinunciare a mangiare piatti gustosi

La sostenibilità in cucina non riguarda solo lo spreco degli alimenti, che segna purtroppo livelli ancora molto alti, ma anche e soprattutto il consumo eccessivo di risorse energetiche. Si stima, infatti, che circa il 15% del consumo energetico di un appartamento provenga proprio dall’utilizzo dei fornelli e degli elettrodomestici della cucina (frigorifero, forno, friggitrice ad aria).

Le nostre tecniche di cottura e di preparazione dei piatti, il modo in cui utilizziamo forni elettrici, piani cottura ed elettrodomestici ha un grande impatto sul consumo energetico domestico. In un momento storico come quello che stiamo vivendo, in cui i costi dell’energia sono elevatissimi, riuscire a risparmiare gas ed elettricità più aiutarci davvero a risparmiare alla fine del mese.

Ecco allora i nostri consigli per diventare dei cuochi più green e sprecare meno energia in cucina.

Leggi anche: Gas in cucina: i trucchi che devi conoscere per risparmiare sulla bolletta (a partire dalle pentole)

Non sbirciare troppo

Oltre a inficiare la buona riuscita della nostra pietanza in cottura, aprire spesso il portello del nostro forno (elettrico o a microonde che sia) provoca un’importante perdita di calore all’interno dell’elettrodomestico, che necessiterà di maggiori quantità di energia per tornare alla temperatura che avevamo impostato per la cottura.

Quindi, resistiamo alla tentazione di aprire il forno in continuazione e controlliamo la cottura della nostra pietanza attraverso l’apposito sportello in vetro. Solo quando saremo abbastanza certi del livello di cottura del nostro cibo, apriamo velocemente l’elettrodomestico per dare una controllatina.

Riduci i tempi di cottura

Sapevate che, anche a forno spento, i cibi continuano a cuocere all’interno dell’elettrodomestico (a patto che il portello rimanga ben chiuso)? Lo stesso vale per la cottura in pentola, che prosegue ancora un po’ anche se il fornello è ormai spento – basta mettere il coperchio.

Quindi, ove possibile, spegniamo fornello o forno qualche minuto prima che il nostro cibo sia pronto, affidandoci alla cottura “a fuoco spento” che ci permetterà di risparmiare un po’ di energia.

Leggi anche: Cuocere la pasta spegnendo prima i fornelli, da Barilla il gadget che fa risparmiare gas in modo scientifico

Fai pezzi più piccoli

Pezzi di cibo più piccoli cuociono (meglio) in meno tempo. Abbandoniamo la pigrizia e perdiamo qualche minuto in più del nostro tempo per sminuzzare in pezzi più piccoli carote, patate e altri ortaggi; se cuciniamo carne o pesce, preferiamo tagli più piccoli al pezzo di arrosto o al trancio intero, che necessitano di cotture lunghe e, quindi, di grandi quantità di energia.

Usa il fornello giusto

Se pensiamo che utilizzare il fornello più grande ci permetterà di dimezzare i tempi di cottura in pentola e risparmiare, ci sbagliamo di grosso. Per ridurre al minimo il consumo di gas, le dimensioni del fornello dovrebbero corrispondere più o meno a quelle del fondo della nostra pentola.

Pertanto, le pentole più grandi dovrebbero andare sui bruciatori più grandi e le pentole piccole su quelli più piccoli. Una piccola regola per non sbagliare: quando accendiamo il fornello del gas, controlliamo che la fiamma non superi la circonferenza di base della nostra pentola.

Adatta l’elettrodomestico alla quantità

Non conviene accendere il forno se dobbiamo cuocere un’unica porzione di cibo – meglio utilizzare diversi elettrodomestici a seconda delle dimensioni delle nostre pietanze e del numero dei commensali. Per porzioni limitate possiamo sostituire la cottura in forno con quella in padella, in friggitrice ad aria (se l’abbiamo) o in tostapane.

Anche il forno a microonde può rivelarsi un efficace alleato, oltre che per riscaldare i cibi, anche per cuocere le pietanze e per permetterci così di risparmiare energia. Su Internet possiamo trovare moltissime ricette di piatti pensati proprio per essere cotti a microonde – senza nessun rischio per la nostra salute!

Cuoci in grandi quantità

Questo consiglio si rivela molto utile non solo per risparmiare energia, ma anche tempo dedicato alla preparazione delle pietanze. Anziché cucinare piccole quantità di cereali, legumi e verdure ogni giorno, prepariamo diverse porzioni tutte insieme, sfruttando il calore di un’unica grande pentola.

Preparando in anticipo più porzioni di verdure o legumi (che conserveremo in frigorifero all’interno di contenitori ermetici), ne disporremo per l’intera settimana e potremo preparare piatti ricchi di fibre e proteine vegetali senza perdere troppo tempo.

Riscaldare piatti già pronti, inoltre, è una pratica più efficiente dal punto di vista energetico rispetto alla cottura da zero.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono una giornalista e una blogger. Collaboro con le testate GreenMe, Ambiente Magazine e The Wise Magazine e mi occupo di natura, sostenibilità, stili di vita sani e rispettosi dell’ambiente. Sul mio blog “La strega che scrive” parlo di giornalismo, editoria e letteratura

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook