Come leggere correttamente i numeri sul termostato del radiatore?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un piccolo strumento che può farci risparmiare molto in bolletta quando usiamo i termosifoni durante l'inverno: stiamo parlando della valvola termostatica del radiatore

Libera Terra

La stagione fredda si avvicina, come anche la minaccia di ulteriori aumenti dei costi in bolletta per il gas e la corrente elettrica. Mai come in questo prossimo inverno è importante mettere in campo ogni strategia per il risparmio energetico, per non ritrovarsi fra qualche mese a dover pagare bollette esorbitanti.

Buona parte dei consumi energetici invernali è assorbita dal riscaldamento domestico: ecco perché proprio in questo settore un intervento anche minimo può consentire di risparmiare molti soldi a fine mese. Sappiamo che, per il prossimo inverno, il Governo ha fissato a 19°C la temperatura massima raggiungibile dal riscaldamento nelle nostre case come in uffici e aziende.

Ma, al di là delle direttive nazionali, le nostre abitudini e le nostre scelte come consumatori possono fare la differenza in termini di risparmio di energia e di denaro. Una di queste abitudini riguarda la regolazione del termostato dei termosifoni.

Installato accanto a molti caloriferi, il termostato non è altro che una manopola dotata di numeri che permette un utilizzo diversificato dei termosifoni all’interno di uno stesso appartamento. Infatti, accendere i termosifoni significa riscaldare tutta la casa: tuttavia, se stiamo studiando in soggiorno e sappiamo che non ci muoveremo da lì per qualche ora, non ha senso riscaldare anche la stanza da letto o la cucina.

Il termostato, che in gergo tecnico è chiamato valvola termostatica del radiatore, serve proprio a limitare il funzionamento dei caloriferi che si trovano nelle stanze dove il termosifone acceso alla massima potenza sarebbe uno spreco energetico. Ma come funziona questo dispositivo? Cerchiamo di spiegarlo e di quantificare i termini del risparmio.

I numeri sulla valvola vanno da uno a cinque: ogni valore corrisponde a una specifica temperatura – con il valore uno indicante la temperatura più bassa e il valore cinque quella più alta:

  • livello 1: circa 12°C
  • livello 2: circa 16°C
  • livello 3: circa 20°C
  • livello 4: circa 24°C
  • livello 5: circa 28°C

Le tre linee tra due numeri sul termostato indicano valori intermedi specifici: ad esempio, tra i livelli 3 e 4, la temperatura può essere regolata 20, 22 o 24 °C. Alcuni termostati presentano anche un simbolo * (asterisco): si tratta della protezione antigelo, che si attiva solo quando la temperatura scende al di sotto di circa 5°C.

Ora che abbiamo compreso il funzionamento di questa valvola, possiamo sfruttarla al meglio per fare un uso più consapevole e parsimonioso dei termosifoni all’interno del nostro appartamento. In questo modo potremo risparmiare denaro (a vantaggio del nostro portafogli) ed energia (a vantaggio dell’ambiente).

Non perderti tutte le altre nostre notizie, seguici su Google News e Telegram

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook