Le casette per gli uccelli dei palazzi ottomani di Istanbul: quando l’architettura incontra l’amore per gli animali

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Piccole regge, sontuosi palazzi e padiglioni con disegni diversi. Ancora oggi camminando per le vie di Istanbul e non solo, non sarà difficile trovate in molti edifici dell'architettura ottomana, elementi decorativi che venivano costruiti proprio come casette per uccelli.

Dimenticatevi le forme lineari, perché in Turchia le case per gli uccelli sono dei veri e propri capolavori architettonici costruite con la stessa accuratezza di quelle fatte per gli uomini. Si trovano in edifici, ma anche nelle moschee e nelle più importanti strutture della città.

E così che rondini, piccioni, passeri continuano a nidificare nelle stanze segrete di queste casette dal design singolare. Negli anni queste piccole strutture hanno preso nomi differenti, come “kuş köşkü” (padiglione di uccelli), “güvercinlik” (colombaie) e “serçe saray” (palazzo di passeri).

Ogni nido veniva progettato in scala ridotta, ma sul modello dell’architettura ottomana. Ma accanto al valore estetico e al rifugio per uccelli, queste costruzioni realizzate tra XV ed il XIX secolo, avevano anche una funzione religiosa: il prendersi cura delle creature del mondo.

Oggi si trovano in quasi tutte le città, guardate che meraviglia:

Se vi trovate a passeggiare per le strade di Instabul, alzate lo sguardo e ammirate queste piccoli gioielli d’architettura ottomana!

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Potrebbero interessarvi:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook