La piccola casa del futuro che autoproduce elettricità

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Si chiama Biosphera 2.0 ed è una casa sperimentale di appena 25 metri quadri in grado di autoalimentarsi, perché costruita secondo tecnologie finalizzate al risparmio energetico.

Ecco il carrello smart per la spesa

Si chiama Biosphera 2.0 ed è una casa sperimentale di appena 25 metri quadri in grado di autoalimentarsi, perché costruita secondo tecnologie finalizzate al risparmio energetico.

Questo piccolo modulo abitativo è stato realizzato da Aktivhaus con il supporto del Politecnico di Torino e dall’Università della Valle d’Aosta. In tutto hanno lavorato 30 ricercatori tra architetti, studiosi di termoidraulica e di energia e biologi che sono riusciti a trovare il giusto mix per quella che già viene considerata la casa del futuro.

Il progetto architettonico è stato sviluppato a partire da un workshop al quale hanno partecipato oltre 100 studenti di architettura e ingegneria di tutta Italia organizzato dal Politecnico di Torino DAD, dal team Woodlab Polito, dalla start up be-eco e da Valle d’Aosta Structure.

biosfera2

biosfera3

Oltre a essere stata costruita e certificata con tecnologie all’avanguardia e criteri di massima sostenibilità, essa ha una serie di strumenti che gli permettono di produrre elettricità come ad esempio i pannelli fotovoltaici ma anche, una cyclette a dinamo.

Nonostante le dimensioni ridotte Biosphera 2.0 è provvista dei normali servizi, dalla cucina a induzione agli elettrodomestici, dal riscaldamento all’illuminazione a led. Ha poi una zona giorno, una notte e un piccolo bagno.

biosfera5

All’interno c’è un sistema di condizionamento della temperatura che con una pompa di calore mantiene il clima tra i 21 gradi d’inverno e i 25 gradi d’estate, naturalmente con funzionamento elettrico autoprodotto.

La casa è stata installata a Courmayeur e nei prossimi 12 mesi farà tappa anche ad Aosta, Milano, Rimini, Torino e Lugano e sarà un esperimento: ci abiteranno infatti a rotazione 20 persone così da testare se effettivamente potrà rappresentare il giusto equilibrio tra autonomia energetica e benessere delle persone.

La scelta delle città non è casuale ma finalizzata a verificare il comportamento del modulo abitativo in diverse situazioni, dal freddo di Courmayeur al caldo di agosto della riviera romagnola fino all’aria milanese. Se i test funzioneranno, si potrà pensare ad adottare questo sistema su larga scala, per ridurre il consumo di elettricità e quindi il consumo di carburanti fossili.

Dominella Trunfio

Foto

LEGGI anche:

Come costruire una casa sostenibile e low cost in bambu’

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook