Cemento fotovoltaico: questo calcestruzzo è capace di generare elettricità, sarà la svolta in edilizia?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Di modi per produrre energia ne esistono molti e stanno aumentando. Persino da un particolare calcestruzzo può essere estratta e produrre l’elettricità che ci serve, come insegna una ricerca guidata dall’Instituto Politécnico Nacional (IPN). Che sta ora sperimentando dei prototipi

La ricerca messicana sul calcestruzzo che produce elettricità va avanti, tanto da aver coinvolto anche il Centro de Capacitación Eléctrica y Energías Alternas (CCEEA) del Paese. Il materiale, sviluppato da un gruppo di scienziati guidati dall’Instituto Politécnico Nacional (IPN), riesce davvero a produrre energia elettrica.

Il calcestruzzo, opportunamente modificato dai ricercatori, è in grado di produrre elettricità quando irradiato dal sole, e si classifica quindi come materiale fotovoltaico.

L’ottenimento di nano polveri di calcestruzzo si ottiene attraverso una tecnica chiamata macinazione ad alta tecnologia – spiega Orlando Gutiérrez, che ha ottenuti i primi incoraggianti risultati insieme a Kismet Sierra – la quale cerca di ottenere particelle di dimensioni inferiori a 100 nanometri. Il calcestruzzo è stato poi miscelato con altri ossidi e composti organici (perovskite) per la generazione fotovoltaica

In tal modo vengono ottenute le celle di Gratzel, ovvero le unità fondamentali per la generazione di energia, che vengono utilizzare come matrice che assorbe la radiazione solare per poi essere trasformata opportunamente in elettricità.

Gli scienziati stanno ora lavorando affinché vengano rispettati tutti i criteri strutturali necessari nella costruzione di marciapiedi, ponti, solai di fondazione, ecc. e, allo stesso tempo, affinché il materiale possa utilizzare elettricità immagazzinata in modo ecologico e sostenibile per elettrodomestici, ricarica di dispositivi mobili, illuminazione architettonica, e altre potenziali applicazioni quotidiane.

Per questa ricerca, Orlando Gutiérrez e Kismet Sierra hanno vinto il primo posto al concorso ‘Solutions for the Future – Polytechnic Entrepreneurship Award 2018, concesso dall’IPN e dalla società Samsung.

Si attendono ora i test su più larga scala.

Fonti: Instituto Politécnico Nacional / Centro de Capacitación Eléctrica y Energías Alternas

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook