Mentre in Ucraina imperversa la guerra il costo del petrolio e del grano schizza alle stelle

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La Russia invade l'Ucraina e gli effetti nefasti si fanno sentire sui mercati di tutto il mondo: alle stelle i costi delle materie prime come il petrolio e il grano

La guerra in Ucraina è ufficialmente iniziata da poche ore, a seguito dell’invasione militare da parte di Putin, e già si vedono i primi effetti nefasti anche sul prezzo del petrolio e di altre materie prime, come il grano, letteralmente schizzato alle stelle in tutto il mondo. È un giovedì nero praticamente ovunque.

A Londra il Brent ha superato quota 100 dollari al barile per la prima volta dal 2014. Il Wti (West Texas Intermediate), invece, sfiora i 95,4 dollari al barile. Una situazione che avrà pesanti ripercussioni sulle tasche dei cittadini, compresi quelli italiani, già alle prese con la crisi provocata dalla pandemia. Il rischio è quello di ritrovarsi con gli scaffali dei supermercati vuoti a causa del blocco dei trasporti, provocato dal caro carburante. Se prima lo scenario era critico, adesso – con lo scoppio del conflitto ucraino – è drammatico. Il rublo, la valuta russa, è al momento al minimo storico e sono stati sospesi tutti gli scambi con la Borsa di Mosca. Pure l’euro è in calo sul dollaro (perdendo lo 0,54%) dopo l’attacco da parte di Mosca.

Tra le materie prime che hanno subito un’impennata dei costi spicca il grano e il mais, di cui l’Ucraina e la Russia sono grandi esportatori a livello mondiale, sale di oltre il 5% e si teme un effetto domino su prodotti derivati come pane e pasta, già colpiti dalla crisi negli ultimi mesi.  Già i prezzi del mais era aumentato negli ultimi giorni di quasi il 3%, mentre il grano di quasi il 6%.

I pesanti effetti collaterali della guerra si fanno sentire anche sull’oro, che ha toccato il massimo dell’ultimo anno, guadagnando il 2% a 1.950 dollari l’oncia, dopo l’invasione della Russia in territorio ucraino. E purtroppo siamo soltanto agli inizi di una guerra che si preannuncia lunga e sanguinaria.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook