Yorkshire: carattere, malattie e come adottarlo

Yorkshire

Lo Yorkshire terrier è una razza appartenente alle razze terrier (Gruppo 3, nella classificazione F.C.I), di piccole dimensioni adatto come cane da compagnia. Viene anche chiamato in modo affettuoso Yorkie. È molto socievole ma anche di indole testarda e molto attiva come tutti i terrier.

Quali sono le origini dello Yorkshire terrier?

Lo Yorkshire terrier è stato selezionato in Inghilterra, nella contea dello Yorkshire ed è stata creata allo scopo di catturare i topi nelle miniere, ma venivano usati anche per la caccia a volpi e tassi. L’antenato di questa razza è il Waterside terrier, una razza di origini scozzesi, di piccole dimensioni e con un mantello lungo blu-grigio.

Il Waterside terrier fu portato nello Yorkshire a metà del XIX secolo.

La prima apparizione di un cane di razza Yorkshire avviene nel 1861 durante uno esposizione canina e viene presentato come “Scotch terrier a pelo broken”. Mantiene questo nome per 9 anni sino a quando viene proposto il nome di Yorkshire terrier, in quanto la razza era stata migliorata all’arrivo nello Yorkshire.

Un famoso Yorkshire terrier è stato Huddersfield Ben, il cane da cui è stata creata la razza. Il suo nome deriva dalla città in cui era nato, Huddersfield nello Yorkshire (Inghilterra). Ha partecipato a moltissime esposizioni ed è morto nel 1871 a 6 anni: sia lui che i suoi cuccioli hanno avuto un grande impatto sulla selezione della razza.

Lo Yorkshire moderno è più piccolo della razza originale e viene utilizzato solo come cane da compagnia.

Caratteristiche generali

yorkshire 2

Il peso di uno Yorkshire o Yorkie adulto va da 1,8 a 3,2 kg con una altezza che va da 15 a 22 cm, pertanto è un cane piuttosto piccolo. Pur avendo delle dimensioni ridotte è un cane robusto ed essendo un terrier è veloce ed energico. Ha una andatura svelta con un atteggiamento sicuro e curioso.

Il cucciolo nasce con un peso di circa 70gr con un pelo morbido e corto dal colore nero e marrone rossiccio (tan): ha una crescita rapida che si conclude intorno all’anno di età.

E’ caratterizzato da una testa minuta, piuttosto piatta, un muso allungato e il tartufo ben nero. Gli occhi sono di taglia media , non sporgenti, di colore scuro e scintillante. L’espressione è intelligente e attenta. Le orecchie sono piccole a forma di V, non troppo distanti e sono portate dritte.

Il corpo è compatto e ben proporzionato, con la schiena dritta e con la coda portata leggermente più in alto rispetto la schiena.

Una delle caratteristiche peculiari è il suo mantello a pelo lungo, serico che si divide dalla testa alla estremità del corpo, in modo tale da pendere in modo uguale su ogni lato del corpo.

Il mantello deve essere lungo ma non impedire il movimento. Spesso il pelo sul capo viene legato al centro della testa o diviso in due ciuffi per evitare che ricada sugli occhi.

Il colore del mantello è composto da parti blu acciao(non blu-argento) che non devono contenere peli fulvi o neri e da parti tan caratterizzate da una radice più scura.

Ricapitolando:

  • è un cane di taglia piccola
  • ha corporatura robusta
  • movimenti svelti e curiosità
  • altezza ideale: 15-22 cm
  • cranio piatto non rotondeggiante
  • tartufo nero
  • orecchie vicine a forma di V
  • occhi di misura media con espressione intelligente

Carattere dello Yorkshire terrier

Lo Yorkshire terrier è un cane molto intelligente. Ha molto coraggio ed è indipendente, e ha bisogno di muoversi durante il giorno per sfogare la sua grande energia. Ama molto giocare, anche con i bambini ma sempre sotto controllo.

È molto importante la gestione del cane nei primi 3 mesi di vita, in quanto ha una forte personalità. Imparano molto in fretta, quindi lo Yorkie deve socializzare sia con altri cani sia con le persone.

Inoltre deve essere abituato ai rumori e anche al campanello, perché da bravo cane da caccia, usa l’abbaio per segnalare. Se non abituato è incline ad abbaiare a qualsiasi rumore e questo comporta problemi di convivenza in famiglia e con i vicini.

Non sempre convive serenamente con altre specie, a causa dell’istinto predatorio: in particolare è impossibile la convivenza con roditori.

Ricapitolando:

  • vivace
  • testardo
  • curioso
  • giocherellone
  • socievole se abituato sin da piccolo

Cure di base

Il mantello dello Yorkshire ha bisogno di cure giornaliere per mantenersi serico e lungo. È un mantello senza sottopelo, che cresce continuamente e va tagliato per non impedire il movimento. Perde pochissimo pelo se ben curato, a differenza delle razze con il sottopelo.

Può essere lavato ogni sei settimane, e poiché tendono ad avere la cute secca si dovrebbero utilizzare shampoo idratanti e lenitivi.

Anche se molto piccolo, lo Yorkshire terrier ha molta energia da sfogare quindi non può vivere esclusivamente in appartamento o sul terrazzo. Ha bisogno di passeggiate che gli permettano di utilizzare i suoi sensi da cacciatore. Inoltre il movimento quotidiano stimola il sistema immunitario e la corretta digestione.

L’alimentazione deve essere equilibrata, senza eccessi. Con le sue piccole dimensioni, un peso eccessivo può comportare un sovraccarico al sistema scheletrico con gravi conseguenze. Per avere una giusta dieta fate riferimento ad un nutrizionista che saprà consigliare i nutrienti e le giuste quantità in modo personalizzato.

Lo Yorkshire quindi deve essere:

  • spazzolato giornalmente
  • lavato ogni sei settimane con shampoo delicati
  • alimentato correttamente
  • portato a passeggio ogni giorno per giocare ed esplorare

Malattie dello Yorkshire

yorkshire 3

Lo Yorkshire terrier può essere soggetto a diverse malattie congenite.

La malattia di Legg-Perthes causa una alterazione della articolazione dell’anca che degenera intorno ai 4-6 mesi di vita. Il sintomo più evidente è la zoppia e viene risolto con la chirurgia.

Un altra patologia ereditaria è la displasia retinica, per cui si ha uno sviluppo anormale della retina con difficoltà visive. Porta spesso alla cecità e non vi sono cure.

Lo shunt portosistemico è una malattia ereditaria che comporta un alterato afflusso di sangue al fegato che non riesce a filtrare bene le tossine che quindi si diffondono nel corpo causando intossicazione sistemica. I sintomi sono vari come ad esempio perdita di appetito, debolezza muscolare, alterazioni del comportamento e ittero.

La malattia va trattata precocemente sia con terapie farmacologiche sia con una alimentazione mirata.
Un altro problema congenito è la dislocazione della rotula, in cui la rotula ruota fuori dall’articolazione. Questo avviene per uno sviluppo anomalo dei tendini e dei tessuti intorno alla rotula, che diviene instabile. Il cane zoppica e ha dolore e l’unica cura è la correzione chirurgica. E’ importante che il cane sia normopeso per evitare di caricare troppo la parte interessata.

Il collasso della trachea, infine, si ha soprattutto nei cani di dimensioni più ridotte. La trachea è molto stretta con una debolezza congenita degli anelli di cartilagine che la sorreggono. I cani che hanno questa patologia non possono utilizzare i collari e hanno una respirazione rumorosa. Bisogna anche evitare profumi, alcool e ambienti freddi e si può agire o con terapie mirate o con la chirurgia.

Ricapitolando, lo Yorkshire è soggetto a:

  • malattia di Legg-Perthes
  • shunt portosistemico
  • dislocazione della rotula
  • collasso della trachea

Adozione di uno Yorkshire

Anche se esistono molti allevamenti di Yorkshire terrier, è sempre meglio adottarne uno in difficoltà.

Molti cani di razza vengono abbandonati nei canili o vengono affidati ai Rescue di razza. Li potete trovare anche su Facebook e potete rivolgervi a loro per adottare uno Yorkie sfortunato.

Per esempio in questo gruppo di Facebook potete informarvi e adottare sia cani di razza che incroci.

Annalisa Barera

Leggi anche:

Caffè Vergnano

Regali di Natale: un’idea personalizzata e green per la persona che ami

Coop

Mini-muffin al cioccolato serviti e cotti nella buccia di clementine

Coop

Natale Green, dal menù ai regali, dalle decorazioni alla tavola, la guida per le feste

Hello Fish!

Preservare i nostri mari un passo alla volta, a partire dalla stagionalità del pesce

Seguici su Instagram
seguici su Facebook