Kefir, fa bene anche al tuo cane! Gli inaspettati benefici dei probiotici per i cani

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I cani possono mangiare il kefir? Si, ed è anche molto benefico, soprattutto in determinati momenti. Come, quando e perché far assumere probiotici al tuo cane

La salute del cane dipende anche dalla sua flora intestinale. Spesso, infatti, i pet possono avere problemi di diarrea, alitosi, gas intestinali, prurito e infezioni. 

Proprio per trattare queste problematiche e per il benessere di Fido, i cosiddetti batteri “buoni” presenti nel kefir sono fondamentali per mantenere forte il suo sistema immunitario e l’equilibrio intestinale. Scopriamo tutto sui probiotici per cani, e perché il kefir è uno dei prodotti migliori per questi pet.

Cosa sono i probiotici

I probiotici sono microrganismi vivi che si trovano principalmente nel tratto gastrointestinale del cane, ma si estendono in tutti gli organi del corpo. E il significato greco antico per probiotici significa “vita”.

I probiotici sono batteri benefici che aiutano a mantenere l’equilibrio nel corpo del cane; quindi è importante che ve ne siano abbastanza per bilanciare i batteri cattivi e mantenere stabile la flora intestinale.

Se il sistema digestivo del cane è instabile, cioè in caso di stomaco delicato, problemi di gas intestinale, eruttazione, diarrea, focolai di lieviti o allergie cutanee, la prima cosa da fare è rivolgersi a un medico veterinario, che probabilmente somministrerà degli integratori a base di probiotici.

Perché somministrare i probiotici ai cani? Di seguito alcuni dei benefici:

  • I probiotici ricostruiscono le popolazioni della flora intestinale dopo l’uso di antibiotici
  • Aiutano a facilitare la transizione tra le diete, prevenendo la diarrea e il vomito
  • Forniscono risultati eccellenti con la guarigione delle infezioni da lieviti
  • Aiutano a curare e prevenire le infezioni dell’orecchio
  • Aiutano a bilanciare un cane con insufficienza pancreatica esocrina (EPI)
  • Aiutano a calmare lo stomaco sensibile
  • Riducono o eliminano gas ed eruttazione
  • I probiotici riducono o eliminano l’odore del corpo
  • Riducono o eliminano l’alito cattivo del cane
  • Efficaci per ridurre o eliminare la diarrea eccessiva rassodando le feci
  • Riducono il prurito e problemi cutanei
Cibo per cani

@Tatiana Gladskikh/123rf

Quali probiotici dare al cane

Il cane ha bisogno di probiotici ogni giorno; il motivo? Questi batteri sono essenziali per una buona salute; in più, è bene anche variare i tipi di probiotici, per ottenere i massimi benefici da vari ceppi di batteri sani.

In commercio è possibile optare per varie tipologie di prodotti; ad esempio vi sono gli integratori probiotici in polvere economici e molto comodi perché basta aggiungerli direttamente nella ciotola del cibo e mescolare.

Quale scegliere? Ti consigliamo un probiotico con quante più specie di batteri buoni possibile con almeno 2 miliardi di CFU per misurino, e che non contenga zuccheri animali.

Ecco le caratteristiche di un buon prodotto in polvere:

  • Un alto numero di specie di batteri
  • Produzione tracciabile e certificata
  • Deve essere insapore
  • Non deve contenere ingredienti artificiali e chimici

Chi cerca un’alternativa naturale può optare  per il latte di capra, ricco di probiotici naturali e a basso contenuto di lattosio, lo zucchero che si trova nel latte vaccino, quindi non causa gli stessi problemi digestivi del normale latte.

Oltre al latte di capra, ti consigliamo il kefir, perché è pieno di probiotici naturali sani per i cani. 

(Leggi anche: I probiotici per combattere l’ansia)

Cosa c’è nel Kefir?

Il kefir è una bevanda a base d’acqua ricca di vitamine e minerali. Fornisce un’ampia varietà di organismi probiotici alimentari integrali, e con proprietà curative essenziali.

Sebbene simile per natura allo yogurt, essendo un prodotto a base di latte fermentato, il Kefir ha un profilo medicinale di gran lunga migliore che può effettivamente risolvere i problemi nel tratto intestinale.

Il kefir contiene fino a 36 ceppi di batteri amici, e diversi ceppi principali che non si trovano comunemente nello yogurt; in più, contiene anche lieviti benefici, che controllano e rimuovono i lieviti patogeni distruttivi nel corpo del cane.

I chicchi di kefir sono costituiti principalmente da una combinazione di proteine ​​insolubili, amminoacidi, lipidi e zuccheri complessi. Inoltre, è ricco di vitamina B1, B12, vitamina A, vitamina D, vitamina K e biotina; mentre, i principali minerali presenti nel kefir sono calcio, fosforo e magnesio.

(Leggi anche: Kefir: buono, ma non per tutti! Possibili danni ed effetti collaterali)

Benefici e proprietà del kefir

Il kefir è un prodotto naturale, ricco di benefici e proprietà; secondo uno studio, infatti, i probiotici in esso presenti sono efficaci per garantire la salute dei pet. Di seguito le principali proprietà di questa bevanda:

  • Proprietà antibiotiche e anti-fungine 
  • Aiuta a prevenire le allergie 
  • Efficace contro problemi cutanei 
  • Rafforza il sistema immunitario 
  • Aiuta in caso di gas, intestino irritabile e stomaco sensibile 
  • Può contrastare l’alito cattivo.
  • Aiuta in caso di pancreatite, malattie articolari e anemia 
  • Riduce l’incremento delle cellule cancerose 
  • Può aiutare a contrastare depressione e ansia 

(Leggi anche: Kefir e yogurt: quali sono le differenze e quale preferire?)

Probiotici essenziali del Kefir ottimi per il cane

Lactobacillus acidophilus

Il Lactobacillus acidophilus produce acido lattico e riduce il colesterolo. Un’altra funzione di questo particolare probiotico è quella di ridurre la glicemia.

I cani con allergie stagionali, come allergie a varie erbe, possono beneficiare di questo probiotico in quanto riduce un anticorpo nell’intestino che è coinvolto nella produzione di allergie stagionali.

Il Lactobacillus acidophilus ha anche proprietà molto benefiche per i cani che soffrono di problemi digestivi, poiché l’acido lattico riveste l’intestino e impedisce ai batteri nocivi di produrre e potenzialmente sovrappopolare l’intestino. Inoltre, può rafforzare il sistema immunitario del cane, e a sua volta può aiutare a combattere le reazioni allergiche.

Bifidobacterium bifidum

Questo probiotico è efficace in caso di allergie che colpiscono il sistema digestivo e cani anziani, che potrebbero aver bisogno di aiuto digestivo a causa della loro età.

Streptococcus thermophilus

Lo Streptococcus thermophilus è un efficace aiuto per i cani con allergie.

Se il cane è intollerante al lattosio o soffre effettivamente di un’allergia a base di lattosio, questo probiotico può migliorare la digestione dello stesso e, quindi, alleviare i sintomi dell’intolleranza. Un altro vantaggio di questo probiotico è che stimola il sistema immunitario a lavorare in modo più efficiente.

Anche la salute orale del cane può dipendere da questo probiotico. Infatti, la crescita della gengivite può essere rallentata e l’alitosi può essere ridotta, anche riducendo il numero di batteri cattivi che ne sono la causa.

Lo Streptococcus thermophilus è anche indicato per aumentare la barriera naturale della pelle, che protegge dalle allergie e dalle infezioni.

Lactobacillus delbrueckii bulgaricus

Questo è un altro probiotico che migliora il sistema immunitario, ma migliora anche la salute del cuore, la salute metabolica e la salute dell’apparato digerente.

Lactobacillus helveticus

Si tratta di un altro batterio, che supporta l’acido lattico naturale nell’intestino del cane. La salute dell’apparato digerente di Fido può essere notevolmente migliorata dalla digestione di questo probiotico; quindi, se il tuo pet soffre di sintomi digestivi dovuti ad allergie, questo probiotico potrà aiutarlo molto ad alleviare i sintomi.

La riduzione dell’ansia può anche essere attribuita a questo probiotico, se assunto con Bifidobacterium longum. Le allergie nei cani possono aumentare l’ansia canina, poiché i sintomi causano disagio e questo può aumentare lo stress.

Kefir

@Thitarees/123rf

Dosaggio ed effetti collaterali del latte kefir per cani con allergie

All’inizio, sia gli esseri umani che i cani possono avere lievi effetti collaterali al kefir, ma questi sono del tutto temporanei.

Nei cani, tra gli effetti collaterali più comuni troviamo dei lievi disturbi digestivi, ma anche eruttazione, stitichezza o un lieve mal di stomaco. Il Kefir non è un medicinale o un farmaco, quindi non si può parlare di dosaggio corretto, bensì della quantità ideale che varia in base alla taglia del pet. 

  • Per i cani di piccola taglia (Yorkshire Terrier, Chihuahua e Beagle, ecc.) si inizia gradualmente: per i primi giorni 2 cucchiaini da tè di Kefir. Dopo questo periodo di prova iniziale, si può aumentare a 1 cucchiaio pieno al giorno.
  • Per i cani di taglia media (cani di taglia Collie, Samoiedo e Siberian Husky) inizialmente bastano 2 cucchiai da dessert di Kefir al giorno. Dopo questo periodo di prova iniziale, si passa a 2 cucchiai pieni al giorno.
  • I cani di taglia grande (bovaro bernese, boxer, bullmastiff, ecc.) possono iniziare con 1 cucchiaio di Kefir al giorno. Dopo questo periodo di prova iniziale, anche 3 cucchiai da tavola pieni per giorno.

Come preparare a casa il latte kefir per il cane

E’ possibile creare la coltura iniziale a casa, ma così facendo si aggiungono circa 8 giorni di fermentazione e si aggiunge un processo complicato, che la maggior parte delle persone preferisce evitare. Di conseguenza, ti consigliamo di acquistare la coltura iniziale, per poi procedere con il fai da te.

Ingredienti:

  • Un cucchiaio di grani di kefir di latte 
  • Due tazze di latte 

Attrezzature:

  • Barattolo di vetro 
  • Garza
  • Un elastico
  • Un cucchiaio, un imbuto e un misurino.
  • Filtro 
  • Bottiglie 

Procedimento:

  • Aggiungi 2 tazze di latte fresco al barattolo
  • Aggiungi un cucchiaio dei chicchi di Kefir 
  • Copri il coperchio del barattolo con una garza e fissalo con l’elastico.
  • Lascia riposare il barattolo per 24 ore in un luogo caldo a temperatura ambiente
  • Dopo di che, filtra il kefir nelle bottiglie usando un colino

Una volta che hai preparato il tuo primo lotto di kefir di latte, i grani che elimini possono essere riutilizzati più e più volte. 

Ti potrebbe interessare:

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook