Oltre 850 cani salvati da un allevamento lager: metà colpiti da brucellosi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un allevamento lager, dove erano stipati oltre 850 cani. Molti degli animali, circa la metà, erano anche affetti da brucellosi. A sequestrarlo, in provincia di Ancona, sono stati i Carabinieri. Cinque finora le persone indagate.

Confinati in spazi ristretti, poco aerati, ammalati. Così 850 di piccola taglia tra chihuahua, barboncini e maltesi hanno vissuto per settimane, forse mesi, in un allevamento a Trecastelli. Erano oltre 850 ma la struttura che li ospitava era autorizzata per un massimo di 61 animali. Così, dopo un controllo e su delega della Procura della Repubblica di Ancona, i Carabinieri del Nipaaf (Nucleo di Polizia Ambientale, Agroalimentare e Forestale) hanno sequestrato l’allevamento, con la collaborazione delle guardie zoofile di Wwf e Legambiente e dei volontari dell’associazione ‘Amici Animali’ di Osimo.

Rivela l’Ansa che circa metà dei cagnolini sono risultati affetti da Brucella canis, una malattia infettiva trasmissibile anche all’uomo, di cui l’allevamento risulta essere attualmente l’unico focolaio nell’Unione Europea.

Non solo l’allevamento. Anche nell’abitazione annessa i Carabinieri hanno trovato altri a 270 cani, molti chiusi dentro trasportini accatastati gli uni sugli altri o dentro contenitori in plastica in condizioni igieniche precarie, molto probabilmente destinati alla vendita.

cani allevamento ancona

©Foto Ansa

Purtroppo non è la prima volta che l’allevamento di Trecastelli, particolarmente attivo nella vendita di cani di piccola taglia, viene sorpreso a trattare gli animali in queste condizioni. Negli ultimi 3 anni ha subito più volte provvedimenti di restrizione. Ma a quanto pare non è bastato e il numero di animali presenti all’interno è salito in maniera esponenziale. Nel 2018 infatti erano 500 quelli rilevati ma l’ultimo sequestro ne ha contati oltre 850 oltre ai 270 detenuti nell’abitazione.

Le 5 persone indagate sono accusate di inosservanza dei provvedimenti delle Autorità Sanitarie e detenzione degli animali in condizioni di sofferenza.

cani allevamento ancona

©Foto Ansa

Speriamo che i poveri animali possano trovare una nuova casa. Non si ha ancora notizia della loro sorte né se e quando sarà possibile adottarli.

Fonti di riferimento: Ansa

LEGGI anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
eBay

Pulizie di primavera: fai ordine in casa e nell’armadio vendendo online quello che non usi

Speciale Fukushima 10 anni

11 marzo 2011. 10 anni fa il terribile disastro di Fukushima, una lezione che non deve essere dimenticata

Foodspring

Colazione proteica vegan per chi la mattina ha il tempo contato

NaturaleBio

ebay

Seguici su Instagram
seguici su Facebook