Bambino prega in ginocchio in strada per la fine del coronavirus. La foto diventa virale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Prega silenziosamente in ginocchio, di sera e in una strada vuota e silenziosa, chiedendo a qualcuno lassù di porre fine alla pandemia globale del coronavirus e a tutti i dolori che sta provocando. È accaduto in Perù, da dove la foto di un bimbo chinato a terra, mani giunte e sguardo verso l’alto, è diventata subito virale.

L’immagine è stata scattata alle 20 circa in una via desolata nella città di Guadalupe, nel dipartimento di La Libertad e a due ore da Trujillo, quasi al buio e in pieno coprifuoco.

Lui è il piccolo Alen Castañeda Zelada, di soli 6 anni e di famiglia cattolica, e a scattare l’immagine è stata la fotografa Claudia Alejandra Mora Abanto, che ha poi usato il suo profilo Facebook per raccontare la storia di questa foto:

Lunedì 13 aprile, gli abitanti del suo quartiere si erano uniti “per pregare e chiedere a Dio una mano nella situazione di emergenza che stiamo vivendo”, e quindi di “condividere speranza e fede”. Quindi, racconta di aver approfittato dei pochi minuti di silenzio che precedono il momento in cui le persone escono fuori alle proprie porte per pregare con le candele accese, quando ha trovato quel bambino e, nel suo momento di grande concentrazione, ha scattato la foto.

Gli ho chiesto dopo per cosa stesse pregando e mi ha risposto nella sua innocenza che chiedeva solo un desiderio a Dio e che era uscito perché a casa sua c’era molto rumore e il suo desiderio non si sarebbe esaudito”.

Forza Alen e forza tutti i bambini del mondo! Torneremo presto a correre felici fuori!

Fonte: Claudia Alejandra Mora Abanto Facebook

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook