I nostri figli stanno troppo poco all’aria aperta: più della metà dei ragazzi italiani sono carenti di vitamina D

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sole, giochi, aria aperta, condivisione. Se chiedete agli esperti cos’è meglio per crescere bimbi e ragazzi sani la risposta è anche questa: passare quanto più tempo è possibile fuori di casa. Il motivo? Non solo loro acquisiscono la vitamina D di cui sono tanto carenti, ma hanno anche modo, il più semplice, di conoscere il mondo e le persone che li circondano.

Eppure, il 36% degli adolescenti di oggi trascorre almeno due ore al giorno a giocare ai videogiochi o al computer e quasi il 50% guarda troppa televisione. È l’allarme lanciato dalla Federazione Italiana Medici Pediatri che sottolinea la preoccupante carenza di vitamina D nei nostri figli, sostanza fondamentale per fissare il calcio e dunque per la salute delle ossa.

Più del 50% degli italiani con meno di 16 anni, dicono, non ha livelli di vitamina D adeguati e i più esposti ai rischi per la salute, derivati da questa insufficienza, risultano gli adolescenti. Sotto accusa è soprattutto la scarsa esposizione al sole da cui dipende oltre il 90% dell’assorbimento della vitamina.

È lo stile di vita troppo “indoor”, infatti, a influenzare in modo significativo anche lo stato vitaminico: i nostri ragazzi trascorrono troppo tempo chiusi in casa, colpevoli anche noi che non dedichiamo loro tanto tempo e tanta pazienza.

Abbiamo dato loro l’accesso a troppi dispositivi perché non vedano più come necessario fare altro, compreso uscire di casa. Una “scelta” che va e andrà a loro discapito, non solo per la carenza vitaminica ma anche e soprattutto per la loro capacità motoria sempre più affievolita, oltre che intellettiva.

Uno sport, una passeggiata nel parco, una semplice camminata all’aria aperta d’estate come in inverno: tutto si somma e rende sani e felici. Con l’aiuto dei raggi del sole i bambini, ma anche gli adulti, sono in grado di sintetizzare la vitamina D (grazie alla mediazione del deidrocolesterolo, un derivato del colesterolo che si trova nella pelle) ed è proprio il sole – o più in generale la luce naturale – a generare un senso di benessere e pienezza che fa bene al corpo e all’umore.

Tutto ciò che si lega a un’esperienza di vita fuori di casa avrà un effetto duraturo sul nostro morale e sui nostri figli, a creare un positivo circolo vizioso, insegnerà loro ad amare il contatto con la natura fin da piccoli e a conoscere confini, limiti, responsabilità e libertà altrui.

Impareranno, insomma, che il mondo è più bello se se ne prende parte da fuori.

Leggi anche:

Germana Carillo
Illustrazione: Laura De Rosa/Mirabilinto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook