I nostri figli stanno troppo poco all’aria aperta: più della metà dei ragazzi italiani sono carenti di vitamina D

bambini aria aperta

Sole, giochi, aria aperta, condivisione. Se chiedete agli esperti cos’è meglio per crescere bimbi e ragazzi sani la risposta è anche questa: passare quanto più tempo è possibile fuori di casa. Il motivo? Non solo loro acquisiscono la vitamina D di cui sono tanto carenti, ma hanno anche modo, il più semplice, di conoscere il mondo e le persone che li circondano.

Eppure, il 36% degli adolescenti di oggi trascorre almeno due ore al giorno a giocare ai videogiochi o al computer e quasi il 50% guarda troppa televisione. È l’allarme lanciato dalla Federazione Italiana Medici Pediatri che sottolinea la preoccupante carenza di vitamina D nei nostri figli, sostanza fondamentale per fissare il calcio e dunque per la salute delle ossa.

Più del 50% degli italiani con meno di 16 anni, dicono, non ha livelli di vitamina D adeguati e i più esposti ai rischi per la salute, derivati da questa insufficienza, risultano gli adolescenti. Sotto accusa è soprattutto la scarsa esposizione al sole da cui dipende oltre il 90% dell’assorbimento della vitamina.

È lo stile di vita troppo “indoor”, infatti, a influenzare in modo significativo anche lo stato vitaminico: i nostri ragazzi trascorrono troppo tempo chiusi in casa, colpevoli anche noi che non dedichiamo loro tanto tempo e tanta pazienza.

Abbiamo dato loro l’accesso a troppi dispositivi perché non vedano più come necessario fare altro, compreso uscire di casa. Una “scelta” che va e andrà a loro discapito, non solo per la carenza vitaminica ma anche e soprattutto per la loro capacità motoria sempre più affievolita, oltre che intellettiva.

Uno sport, una passeggiata nel parco, una semplice camminata all’aria aperta d’estate come in inverno: tutto si somma e rende sani e felici. Con l’aiuto dei raggi del sole i bambini, ma anche gli adulti, sono in grado di sintetizzare la vitamina D (grazie alla mediazione del deidrocolesterolo, un derivato del colesterolo che si trova nella pelle) ed è proprio il sole – o più in generale la luce naturale – a generare un senso di benessere e pienezza che fa bene al corpo e all’umore.

Tutto ciò che si lega a un’esperienza di vita fuori di casa avrà un effetto duraturo sul nostro morale e sui nostri figli, a creare un positivo circolo vizioso, insegnerà loro ad amare il contatto con la natura fin da piccoli e a conoscere confini, limiti, responsabilità e libertà altrui.

Impareranno, insomma, che il mondo è più bello se se ne prende parte da fuori.

Leggi anche:

Germana Carillo
Illustrazione: Laura De Rosa/Mirabilinto

Giornalista pubblicista, classe 1977, laureata con lode in Scienze Politiche, Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci anni.
Coop

Fuori la plastica dai sacchetti del pane!

Caffé Vergnano

Women in coffee, il progetto che sostiene il ruolo delle donne che lavorano nelle piantagioni di caffè

tuvali
seguici su Facebook