Speciale Salone del Mobile: Dismettiamola! Videointervista ad Angela Ponzini

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La nostra seconda tappa al salone del Mobile è stata alla Fabbrica del Vapore, sede di lavoro di 12 realtà laboratoriali, dov’era in corso la manifestazione Posti di Vista 09 , progetto collettivo giunto alla sesta edizione. Quest’anno il tema era il concetto di Chilometro Zero in tutte le sue sfumature: quindi anche il recupero dei materiali.

Una delle mostre che abbiamo trovato più interessanti è stata Dismettiamola!, un percorso proggettuale di 16 giovani designer che si sono cimentati su un tema delicato: come si gettano i rifiuti”.

È ora di-smetterla di gettare i rifiuti senza una logica, ma è anche il momento per uno spunto di riflessione sulla dismissione, ovvero lo smaltimento intelligente degli oggetti alla fine del loro ciclo di vita. La logica della dismissione però deve iniziare alla nascita dell’oggetto, che ancora prima di essere prodotto, va progettato con in mente ben chiaro il percorso che dovrà affrontare al termine della sua carriera.

Si va affacciando nel mondo dell’indistrial design (o almeno fra le giovani leve) il concetto di sostenibilità preventiva, cioè concepire gli oggetti in modo sostenibile invece di arrovellarsi il cervello su come smaltirli quando sono ormai già rifiuti.

Ne abbiamo parlato con Angela Ponzini, una dei cinque designer che hanno ideato e realizzato la mostra-concorso Dismettiamola! Una video-intervista divertente che contiene però anche profondi spunti di riflessione:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Direttore responsabile ed editoriale di greenMe. Ha una laurea in Scienze della comunicazione e un'esperienza pluriennale negli uffici stampa. In greenMe ha trovato il modo di dare sfogo alla sua "natura" più vera.
Mediterranea

Siero viso anti-age con buon Inci: la prova prodotto di Olive Mediterranea

Deceuninck

L’importanza della luce naturale in casa e come ottenere giochi di luce con qualche accortezza

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook