La “nostra” Roberta Ragni ha vinto il Premio giornalistico Lidia Giordani 2011

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Venerdì 14 ottobre alla libreria Rinascita di Roma si è svolta la premiazione della terza edizione del concorso di giornalismo ambientale intitolato a Lidia Giordani, organizzato dall’Associazione Oltre le Righe in collaborazione con e Rinascita, alla quale ha partecipato anche la nostra collaboratrice Roberta Ragni che, udite udite, si è aggiudicata il primo premio!!!

Un premio dedicato alle donne, organizzato per ricordare Lidia Giordani, la giovane cronista impegnata su temi ambientali scomparsa troppo prematuramente, tre anni fa a soli 35 anni. Un premio a cui Roberta ha partecipato un po’ per gioco, u po’ per mettersi alla prova, ma che non pensava assolutamente di vincere. E invece il suo elaborato – scritto sull’anniversario della morte di Angelo Vassallo – ha convinto e commosso la giuria. Su Angelo Vassallo si è detto di tutto e di più, ma il modo in cui Roberta è riuscita a riassumere in appena 3000 battute il suo impegno e il suo coraggio è risultato da primo premio.

Un riconoscimento che ha riempito di orgoglio anche noi della redazione di greenMe.it che con Roberta collaboriamo ogni giorno e che, insieme a lei, ogni giorno proviamo a tenervi informati nel miglior modo possibile.

Ora Roberta si è aggiudicata una borsa di pertecipazone al Corso EuroMediterraneo di giornalismo ambientale”Laura Conti” de La Nuova Ecologia oltre che un’opera a carattere ambientale del pittore Carlo Efisio Marrè Brunenghi (nella foto).

Per un mesetto, quindi dovremo fare a meno di lei in quanto sarà a Savona a frequentare il corso, ma a dicembre tornerà, siamo certi, più brava di prima.

Congratulazione Roby e in bocca al lupo per tutto!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook