bimbo obeso

Merendine e obesità? Possibile che a causare un eccessivo sovrappeso nei bambini non siano i tanto temuti snack industriali? Possibile ma non improbabile. O meglio: a causare l’obesità infantile non sono solo le merendine (ma se mangiate tre o quattro al giorno sfido io...), ma anche e soprattutto la mancanza a tavola di sufficienti quantità di frutta e verdura e una scarsa attività fisica. Sacrosanto, ma...

È un po’ come dire: se tu, mamma, dai a tuo figlio una (o più) merendina(/e) di quelle confezionate vendute al supermercato sotto casa, poi ti pulisci la coscienza facendogli mangiare (anche) frutta e verdura (ma quanto mangia questo bimbo?!). E così non ingrassa.

Insomma, è questo l’assunto cui è arrivata l’Aidepi, l’Associazione industrie del dolce e della pasta italiane, che ha reso noti i risultati di un’indagine che incrocia i dati (fonte: indagine Okkio alla salute 2014) sulla diffusione geografica del problema del sovrappeso e dell’obesità infantile con quelli (fonte IRI 2014, Iper, Super, LSP) relativi al consumo di merendine in Italia.

Quello che è emerso è che nelle regioni del Nord Italia, dove i livelli di sovrappeso e obesità dei bambini tra i 7 e i 10 anni sono più bassi (24,7%), si registrano i livelli più alti di consumi di merendine (2,2 kg pro capite annui). Al Centro, invece, si trovano livelli medi di entrambi gli indicatori (30,6% sovrappeso/obesità e 2,1 kg pro capite), mentre al Sud e nelle Isole l’indice di sovrappeso e obesità sale al 37,8% (+25% media nazionale) e i consumi di merendine scendono a 1,6 kg pro capite annui (-20% della media nazionale e -27% rispetto al Nord). Per cui, e soprattutto al Nord, laddove ci sarebbero livelli di consumo di merendine superiori rispetto alla media nazionale, si registrerebbero anche livelli di sovrappeso e obesità infantile più bassi in assoluto. Al sud, invece, non se la passerebbero bene in Campania, dove vengono confermati i livelli di sovrappeso/obesità più alti di tutta Italia con il 47,8% del campione (il 28,6% di bambini è in sovrappeso, il 13,7% obeso e il 5,5% gravemente obeso), con i consumi più bassi in assoluto di merendine (1,34 Kg pro capite annui).

Come si spiega allora l’aumento di peso dei piccoli? Mancanza di attività sportiva in primis. Secondo dati Istat, degli oltre 2,2 milioni di bambini tra i 6 e i 10 anni che praticano uno sport o fanno attività fisica, la maggiore concentrazione si trova nelle regioni con bambini più magri e in salute. Al contrario, dove i bambini sono più sovrappeso si registrano i livelli più bassi di attività fisica e di abitudine al movimento. Nel Nord – sempre secondo i dati Istat – fa movimento o sport il 70% del campione, mentre nel Sud e nelle Isole il 45%. Secondo i dati “Okkio alla salute” dell’ISS, inoltre, la stessa ripartizione tocca al consumo di frutta e/o verdura tutti i giorni: nel Nord riguarda circa l’80% dei bambini, al Sud le percentuali scendono di molto, con un picco negativo in Calabria con il 63,5%.

Al di là di altri virtuosismi di cui si pregiano le Regioni del Nord, come il tempo trascorso dinanzi alla TV e coi videogiochi nettamente inferiore, pare quindi che quindi laddove si consumano più merendine ci sia meno sovrappeso perché quel consumo è controbilanciato da attività fisica e modi di mangiare differenti.

Non stento a crederlo: purtroppo da sempre Nord e Sud si differenziano finanche in questo, anche a causa di livelli di reddito differenti e di una cultura al benessere a volte agli antipodi. Ma scagionare del tutto il consumo di “prodotti confezionati da forno” noi proprio non ce la sentiamo, non fosse altro per l’uso spropositato che si fa in essi di zuccheri e di olio di palma, un ingrediente ormai onnipresente nei prodotti alimentari confezionati e che contiene acidi grassi saturi dannosi.

Considerando poi che a scagionare le merendine, sbandierando la cosa come un grande successo, è l’Associazione industrie del dolce e della pasta italiane che ha un palese conflitto di interesse riguardo alla vendita di questi prodotti, rimane più di qualche dubbio su come sarebbe il caso di interpretare questi dati. Al di là che siano o meno la sola causa di obesità, le merendine sono indubbiamente un cibo sconsigliato da utilizzare molto raramente o meglio mai. Come abbiamo già detto, davvero troppo è il quantitativo di zuccheri presenti nei dolci confezionati, utilizzato per rendere più gradevoli e accattivanti gli snack ai bambini, dosi eccessive di cui si sta discutendo anche al Parlamento Europeo proprio perché spesso superano i range consigliati dall'OMS. Tra l'altro, la maggior parte delle merendine contiene conservanti e coloranti, ingredienti non certo sani che si possono benissimo evitare tornando a preparare in casa dolci e dolcetti per i nostri bambini.

Quindi, se proprio i vostri figli sono golosi di merendine, rivolgetevi al biologico oppure leggete sempre bene e attentamente le etichette. Oramai sono davvero tantissimi i marchi che più attenti agli ingredienti da utilizzare. Ogni volta poi che abbiamo tempo e voglia, dedichiamoci all'autoproduzione. Qualunque ricetta di biscotti, di merendine o di grissini fatti in casa non contiene olio di palma ed è decisamente più “magra” dei prodotti confezionati.

Germana Carillo

LEGGI anche:

freccia 10 MERENDE SANE E AUTOPRODOTTE DA PORTARE A SCUOLA

freccia OBESITÀ INFANTILE: CONSIGLI PER TENERE I BAMBINI SEMPRE SANI E IN FORMA

freccia 10 COSE CHE L'INDUSTRIA ALIMENTARE NON VORREBBE FARTI SAPERE SUI CIBI CONFEZIONATI

casa verde

Reale Mutua

La casa verde: pannelli solari e pozzi geotermici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram