Vandana Shiva, la libertà delle donne passa per il cibo: “il futuro è nelle tue mani, prenditi cura della Terra”

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ecologista, scienziata, ecoguerriera, donna coraggiosa che da anni lotta per difendere il Pianeta, le foreste e le popolazioni dall’operato delle multinazionali, dai pesticidi, dagli Ogm. Vandana Shiva è tutte queste cose messe insieme: da figlia ostinata di una guardia forestale himalayana è diventata il peggior “incubo” per la Monsanto. Con lei abbiamo parlato della condizione della donna in occasione della ricorrenza dell’8 marzo.

In Vandana il mondo femminile attivo, quello vigile sui problemi del mondo, ha trovato un punto di riferimento per la difesa della biodiversità agricola minacciata da ogni dove. Lei ha posato un seme, decenni fa, perché tutto possa tornare prima o poi al proprio posto. Definitivamente.

Dobbiamo liberarci delle molteplici colonizzazioni del patriarcato capitalista che ha ridotto la natura e le donne a una colonia. Come membri della Famiglia della terra, co-creando con la Terra vivente, siamo potenti, in forma creativa e non violenta. Il futuro è nelle tue mani. Prenditi cura della Terra in modo che possa prendersi cura di te.”, ci ha detto l’attivista indiana, nelle sue precise e profonde parole.

Intervista a Vandana Shiva

Come sta affrontando l’India l’epidemia di coronavirus? Nel mondo c’è chi vive in modo privilegiato e chi vive senza avere nulla. Possiamo dire che stia crollando la visione antropocentrica che, tra l’altro, ha portato all’attacco a molti animali selvatici e al quasi totale disboscamento, ma il COVID-19 rischia di aggravare ulteriormente la condizione delle donne…

Un rapporto dell’UNEP ha sottolineato che il mondo sta curando i sintomi, non la causa delle pandemie.

Negli ultimi 30 anni, 300 nuovi agenti patogeni sono emersi mentre distruggiamo l’ habitat delle specie e le manipoliamo a scopo di lucro.

Ebola, influenza aviaria, virus dell’influenza H1N1 (o influenza suina), sindrome respiratoria medio-orientale (MERS), Febbre della Valle del Rift, sindrome respiratoria acuta improvvisa (SARS), virus del Nilo occidentale (West Nile virus), HIV, virus Zika e ora il nuovo coronavirus COVID-19, che è stato causato dall’invasione degli ecosistemi forestali, dalla violazione delle specie e dell’ integrità dell’ecosistema.

La professoressa Delia Grace, autrice principale del rapporto dell’UNEP, ha affermato: ‘C’è stata una forte risposta al Covid 19, ma in gran parte è stato trattato come una sfida medica o uno shock economico, mentre le sue origini sono nell’ambiente, nei sistemi alimentari e nella salute degli animali. È un po’ come avere a che fare con un malato e curare solo i sintomi, senza curare la causa sottostante. I governi devono affrontare la distruzione del mondo naturale per prevenire future pandemie’.

Si stanno creando nuove malattie perché un modello alimentare e agricolo globalizzato, industrializzato e inefficiente sta invadendo l’habitat ecologico di altre specie e manipola animali e piante senza alcun rispetto per la loro integrità e salute. L’illusione della terra e del suo essere come materia prima da sfruttare a scopo di lucro sta creando un mondo connesso attraverso la malattia.

Man mano che le foreste vengono invase e distrutte, mentre le nostre fattorie diventano monocolture industriali per produrre merci tossiche e nutrizionalmente vuote e le nostre diete vengono degradate attraverso la lavorazione industriale con prodotti chimici di sintesi e l’ingegneria genetica nei laboratori, veniamo collegati dalla malattia.

Le donne nei sistemi industriali e nelle società industriali stanno vivendo un aumento della loro emarginazione.

Le donne contadine con cui lavoro hanno affrontato il Covid con la loro conoscenza e la pratica della biodiversità. Stanno mostrando la strada per un pianeta sano e persone sane.

L’emancipazione delle donne coinvolge anche la sovranità alimentare?

In 5 decenni ho visto con i miei occhi come l’imperialismo alimentare sia alla radice della violenza contro la Terra e contro le donne. In India, ovunque l’agricoltura industriale ha sfollato le donne, le donne sono state ridotte a sesso usa e getta ed è emerso il feticidio femminile. Ho scritto di queste cose sia in Staying Alive che in Earth Democracy.

La Sovranità Alimentare è il fondamento dell’emancipazione delle donne, perché il cibo è la base della vita, il cibo è la moneta della vita. Henry Kissenger ha chiaramente articolato la sua politica sull’imperialismo alimentare quando ha dichiarato che ‘Il cibo è un’arma. Chi controlla il cibo controlla le persone’.

Per migliaia di anni, le donne hanno contribuito alla produzione di cibo, alla conservazione della biodiversità e alla cura della terra.

La sovranità alimentare nelle mani delle donne è importante per l’emigrazione delle donne ma anche per tutte le persone e per tutta la vita sulla Terra.

Nel 1996, con Maria Mies ho scritto una dichiarazione a Lipsia durante la Plant Genewtic Resources Conference firmata da più di 100.000 donne per il Vertice mondiale sull’alimentazione.

Per la Giornata internazionale della donna 2021, Women Farmers of Diverse Women for Diversity / The Women’s Food Sovereignty Movement ha pubblicato un nuovo rapporto ‘Earth Rishing, Women Rising: Regenerating the Earth, Seeding the Future‘.

Le donne sono una fonte di vita come i semi, una fonte di cibo. In che modo la libertà delle donne e la libertà seme sono correlate l’una all’altra?

Come abbiamo scritto in Earth Rising, Women Rising:

‘Siamo un filo della rete della vita e della rete della biodiversità. Siamo custodi, allevatrici e produttrici di sementi. Il seme vivente è il nostro patrimonio vivente che abbiamo ricevuto nella sua diversità e integrità dai nostri antenati e che abbiamo il dovere di salvaguardare e trasmettere alle generazioni future.

Il seme detiene il nostro potenziale co-evolutivo come parte della creazione.

La sovranità dei semi (Bija Swaraj) è il nostro diritto di nascita.

Reclamiamo la nostra sovranità del seme

La vita inizia come seme. Il cibo inizia come seme.

Il cibo sano cresce da seme sano. Stiamo allevando, producendo e condividendo i nostri semi come beni comuni. Il seme non è un’invenzione. Il seme non è proprietà intellettuale delle società. Il seme è la vita. Il seme è sacro.

Abbiamo creato banche di semi delle comunità locali per conservare i semi autoctoni e gruppi di agricoltori produttori di semi per moltiplicare e distribuire semi locali nutrienti e resistenti al clima.

I nostri semi indigeni Desi e le varietà coltivate hanno un valore nutritivo molto più elevato rispetto alle cosiddette “varietà ad alto rendimento” che sono state allevate per adattarsi alle sostanze chimiche, sono nutrizionalmente vuote, contribuiscono a malattie dovute a carenze di micronutrienti e oligoelementi e sono cariche di malattie che causano tossiche. I semi autoctoni hanno bisogno di meno acqua, sono più resistenti ai parassiti e alle malattie e più resistenti al clima. I semi OGM sono tossici e il cotone OGM Bt non è riuscito a controllare i parassiti, ma ha intrappolato gli agricoltori nei debiti e ha portato centinaia di migliaia di agricoltori al suicidio‘.

Che impatto avrebbe la nuova legge agricola sulle donne indiane che i contadini combattono da mesi, temendo che favorisca le multinazionali?

Ho fondato Navdanya e i movimenti Seed Soveregnty e Food Sovereignty più di 3 decenni fa, quando le multinazionali hanno cercato di dirottare semi e cibo attraverso le condizionalità della Banca mondiale e le regole del libero scambio della WTO.

Siamo riusciti a mettere in atto leggi per proteggere la Sovranità dei semi degli agricoltori e impedire l’imposizione delle leggi della Monsanto.

L’articolo 3j dell’Indian Patent Act afferma chiaramente che piante, animali e semi non sono invenzioni, quindi non brevettabili:

‘Piante e animali nella loro totalità o parte di essi diversa dai microrganismi, compresi semi, varietà e specie, e processi essenzialmente biologici per la produzione o la propagazione di piante e animali’

E

Articolo 39 della legge sulla protezione delle varietà vegetali e sui diritti degli agricoltori che afferma:

‘Si considera che un agricoltore abbia il diritto di salvare, utilizzare, seminare, riseminare, scambiare, condividere o vendere i propri prodotti agricoli, comprese le sementi di una varietà protetta ai sensi della presente legge, nello stesso modo in cui aveva diritto prima dell’entrata in vigore di questa legge’.

Queste leggi hanno impedito a Monsanto e Pepsi di citare in giudizio i contadini indiani per salvare i semi.

Le 3 leggi fanno parte delle politiche di condizionalità del 1991 della Banca Mondiale. 30 anni di tentativi da parte della multinazionale non hanno permesso loro di assumere il controllo totale sull’agricoltura indiana e di distruggere la Food Soveriegnty e l’autonomia alimentare dell’India. I contadini chiedono l’abrogazione, perché sanno che non sopravviveranno se le grandi corporazioni si impossesseranno del nostro cibo e dell’agricoltura. Non stanno solo combattendo per la loro sopravvivenza. Come si dice, stanno combattendo per il suolo e l’anima dell’India. L’India è l’India a causa della nostra biodiversità, della nostra diversità culturale, della nostra diversità economica ed ecologica. L’imperialismo alimentare ci ridurrà a una colonia di Bayer/Monsato, Corteva’s e Syngenta’s, Cargills, ADM e ConAgra’s, Pepsi e Coca Cola e colossi digitali come Gates, che stanno promuovendo l’agricoltura digitale, agricoltura senza agricoltori, cibo senza agricoltori.

Gli OGM non possono essere coltivati ​​in Italia, ma possono essere importati e, ipoteticamente, ricercati in laboratorio. Paradossalmente, per importare OGM spendiamo quasi quanto guadagniamo dalla vendita dei nostri prodotti tipici. È quello che dicono i sostenitori delle biotecnologie e talvolta in Italia persino alcuni ministri hanno spinto per l’introduzione di organismi geneticamente modificati nei campi italiani. Eppure la produzione biologica italiana è la più grande e importante tra i paesi europei anche grazie proprio alla sensibilità di tante donne. Che ne sarà dei prodotti italiani con i marchi Dop, Igp, Stg OGM free se riusciranno ad affermare modificazioni genetiche su larga scala?

Gli OGM sono una tecnologia fallita, come ha dimostrato lesperienza di Bt Cooton in India e Round Up Ready Crops negli Stati Uniti. La spinta per gli OGM è una spinta per le collezioni di royalty.

L’alternativa all’importazione di soia OGM che sta bruciando l’Amazzonia per mangimi animali e biocarburanti con sussidi. L’alternativa è un Sistema Alimentare Italiano biologico senza OGM basato su biodiversità, filiere corte, economie circolari locali che mettono al primo posto la salute della terra, degli agricoltori e dei cittadini, non i profitti di un piccolo gruppo di multinazionali e di un pugno di miliardari a cui simbolicamente mi  riferisco a come l’1%.

L’Italia ha bisogno di proteggere la qualità del suo cibo, la sua sovranità alimentare, la sua italianità e non diventare una colonia topossica dell’Impero del cibo del cartello dei veleni

Cosa possiamo dire alle giovani donne, se volessimo lanciare un appello alle nuove generazioni?

Alle mie giovani sorelle invio un messaggio di amore, cura e coraggio. Dobbiamo liberarci delle molteplici colonizzazioni del patriarcato capitalista che ha ridotto la natura e le donne a una colonia e ha negato il potere e la creatività o la natura e le donne.

Come membri della Famiglia della terra, co-creando con la Terra vivente, siamo potenti, in forma creativa e non violenta. Il futuro è nelle tue mani. Prenditi cura della Terra in modo che possa prendersi cura di te.

Leggi anche: 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Deceuninck

Nuova era delle finestre: con la ThermoFibra diventano 100% riciclabili

eBay

Come scegliere il gazebo perfetto

LCI

Come il giornale e la carta che butti diventano un nuovo materiale

eBay

Come guadagnare online con i LEGO e le carte da gioco

NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook