dLink_Green

Intervista a Riccardo Cerioni, Product Manager di D-Link Italia. La corrente elettrica ha un costo, quello solito, che paghiamo tutti noi nelle nostre bollette di casa. C'è anche un altro costo, chiamato impatto ambientale.

La produzione di energia per le nostre apparecchiature, in casa come in ufficio, richiede purtroppo ancora l'impiego di processi non sempre basati su fonti rinnovabili. Un modo per aiutare la Terra esiste anche nel nostro piccolo, ed è proprio quello di ridurre il più possibile il nostro impiego di elettricità. Su questo punta la D-Link, società leader nelle tecnologie di rete, che si è posta come obiettivo quello di ridurre i consumi degli utenti offrendo allo stesso tempo la possibilità di dare una bella mano all'ambiente.

La Filosofia "Green" di D-Link

Negli ultimi anni la D-Link  ha messo a punto alcune tecnologie basate sull'utilizzo di silicio nella costruzione delle sue apparecchiature, di modo che la produzione, l'utilizzo stesso ed infine lo smaltimento dei suoi router e switch fosse di sempre minor impatto per l'ambiente. Tutto questo rispettando criteri di sostenibilità quali il Rhos e aderendo al Consorzio RAEE per lo smaltimento dei prodotti elettronici. Un impegno che punta ad essere eco-sostenibile durante tutto il ciclo vitale dell'hardware.

Le Ultime Soluzioni

Nel febbraio dello scorso anno D-Link ha lanciato sul mercato i primi prodotti orientati verso la "Green Ethernet" per le aziende, estendendo la tecnologia a basso consumo energetico agli "Switch Unmanaged". Un risparmio che viene stimato a circa il 70/80% rispetto alle spese energetiche abituali. Verso la fine dello scorso anno sono state lanciate anche soluzioni rivolte ad un'utenza domestica, come i router domestici Dir-655 e Dir-855. Qui il risparmio promette di aggirarsi intorno al 30%.

Abbiamo chiesto a Riccardo Cerioni, Product Manager di D-Link Italia, di spiegarci alcune delle loro ultime proposte e su come la D-Link si stiamo muovendo in direzione "Green":

1) Da alcuni anni D-Link sviluppa soluzioni a basso consumo nel campo delle tecnologie di rete. Quali le ultime novità per quanto riguarda il settore aziendale e quali i vantaggi per le società che scelgono i vostri prodotti?

La serie "green" D-Link ha preso il via circa due anni fa con le prime linee di switch realizzati con componenti in silicio. L'utilizzo di questo materiale, unito alla sua lavorazione tramite tecnologie da noi stessi sviluppate, assicura un migliore smaltimento ed un minor impatto ambientale. I vantaggi per le aziende sono molteplici e vanno dai minori consumi elettrici ad una maggiore durata degli stessi prodotti. Possiamo regolare l'intensità del segnale sulla distanza effettiva del cavo di rete ed attraverso la funzionalità "Detection" attivare o disattivare il collegamento ai terminali a seconda che questi ultimi siano utilizzati o meno. Avremo un minor sfruttamento e quindi anche un minore riscaldamento degli impianti: questo renderà fra l'altro non necessario il raffreddamento delle sale dove sono posizionati gli switch. Si parla di un risparmio di circa il 70/80% sui costi dell'energia, oltre ad una maggiore durata nel tempo delle stesse apparecchiature, meno surriscaldate e per questo meno soggette ad usura. Si possono implementare i nostri prodotti "green" anche all'interno di strutture informatiche esistenti, sempre con la massima compatibilità.

2) Nel 2008 c'è stata la presentazione del Dir-655 e del Dir-855, due router Wi-Fi dedicati questa volta ad un'utenza domestica. Come assicurano un effettivo risparmio agli utenti?

D-link Dir'855

Abbiamo deciso il passaggio all'utenza domestica dopo aver messo da parte la necessaria esperienza in un campo selettivo come quello d'impresa. I router per la casa si basano sempre sulla tecnologia che sfrutta il silicio, come per gli switch aziendali. Il vantaggio in termini di risparmio energetico per una famiglia si aggira sul 10%, almeno solo per quanto concerne la componentistica. I nostri router hanno in più anche la possibilità di poter essere regolati tramite "scheduler" da computer, garantendone lo spegnimento in quelle fasce orarie in cui non viene utilizzata la navigazione in rete. Questo si traduce in un consumo ancor minore di energia, fino al 35%. Forniamo inoltre la possibilità, nel caso di soluzioni come il Dir-655 e il Dir-855, di aggiornare gratuitamente il firmware e rendere "green" anche router acquistati in precedenza e non a basso consumo.

3) Quanta diffidenza riscontrate ancora nel settore "casa" riguardo al tema prestazioni/funzionalità?

Il tabù del "green = risparmio energetico, ma minori prestazioni" va sfatato. A rinforzare questo preconcetto ha contribuito ad esempio l'automobile elettrica: garantisce senza dubbio minori consumi, ma certo non garantisce pari prestazioni rispetto a una comune vettura. Noi siamo partiti da questo presupposto per cercare soluzioni che al contrario contribuissero a rivalutare la soluzione "green". Tutti i nostri prodotti mantengono gli standard di qualità che abbiamo sempre assicurato, permettendo un risparmio in termini di energia elettrica e durata degli stessi elementi nel tempo. Questo senza gravare sugli utenti con un costo d'acquisto maggiorato. La scelta di non aumentare i prezzi è stata fatta per un semplice motivo: scegliere di utilizzare soluzioni "green" deve rappresentare una scelta conveniente, non necessariamente (per quanto ad ogni modo auspicabile) una causa da sposare.

4) Switch e router a basso consumo per ridurre l'impatto ambientale. Cosa può dirci però riguardo al processo produttivo degli stessi, marcia nella stessa direzione?

Assolutamente sì. Facciamo parte del Consorzio RAEE, che assicura ai nostri prodotti elettronici vengano correttamente smaltiti. Ogni router o switch D-Link prodotto vede pagato un corrispettivo di modo che lo smaltimento sia totalmente a nostro carico e non del consumatore. L'utente si sentirà così maggiormente disposto ad operare nella maniera corretta e non abbandonarlo nei rifiuti comuni. Se ciò dovesse comunque accadere, gli standard di produzione fanno sì che il rilascio in natura di sostanza tossiche sia minimo. Abbiamo introdotto novità anche nel "packaging". Le confezioni sono ridotte nello spazio evitando accessori inutili e realizzate con il maggior numero possibile di materiali riciclabili, rispettando il requisito Rhos di assenza o contenuto molto basso di elementi come il piombo o il  mercurio.

Riccardo Cerioni, Product Manager di D-link

 

5) In quali altre direzioni "green" si sta muovendo D-Link?

Tutto il ciclo produttivo e lo smaltimento nell'ambiente di un prodotto D-Link è pensato in ottica "green". Vengono rispettati i requisiti Ros e siamo in possesso dell'ISO 9000 e delle altre ISO in materia di tecnologia sostenibile. Sfruttando il trasporto navale riusciamo ad effettuare le spedizioni dei prodotti con minori emissioni rispetto alla via aerea. L'impatto ambientale viene ulteriormente alleggerito dal ridotto ingombro delle confezioni, che permette un maggiore carico per ogni nave e quindi un minor numero di viaggi necessari. I nostri switch e router hanno la certificazione Energy Star, data dal rispetto di severi parametri per il risparmio e l'efficienza energetica. Oltre a questo inviamo dei nostri promoter per spiegare le differenze tra l'utilizzo di dispositivi tradizionali e "green", aiutando il consumatore a scegliere il prodotto più indicato in base alle effettive necessita'. È importante far sapere che l'acquisto di un prodotto a risparmio energetico non vuol dire perdita di prestazioni, ma solo attenzioni ai consumi e all'ambiente. 

6) Concludiamo con una domanda ipotetica: siamo una famiglia media e stiamo valutando alcune proposte di tecnologie Wi-Fi da adottare nella nostra casa. Ci fornisca 5 motivi per scegliere le soluzioni offerte da D-Link...

Il primo motivo è rappresentato dal marchio D-Link, da sempre orientato a fornire servizi e funzionalità avanzati con costi ridotti per il consumatore.

Secondo motivo Tecnologia "green" e risparmi conseguenti già evidenziati sulla confezione, ogni famiglia che si avvicina ad un nostro prodotto potrà da subito verificare il possibile risparmio.

L'aggiornamento costante è il terzo motivo che può orientare verso D-Link: un firmware aggiornato consente sempre il minor consumo possibile e l'opportunità di sfruttare al massimo le potenzialità delle nostre tecnologie di rete.

Quarto motivo: ogni soluzione D-Link è assolutamente integrabile con ogni altro hardware, nessun bisogno quindi di cambiare i prodotti di cui si è già in possesso.

Il quinto motivo, ma non meno importante, è dato dalla possibilità di utilizzare lo "scheduler". Programmandolo direttamente da un menu a tendina sul computer si può impostare lo spegnimento del router e garantire un minor consumo elettrico. Il nostro "scheduler" consente anche di creare "zone di rete", assegnando ai vari dispositivi connessi diversi gradi di accesso al servizio. Si potrà ad esempio realizzare un vero e proprio "Parental Control" sugli apparecchi dei propri figli, decidendo quando e quanto potranno avere accesso alla rete. Questo senza dover sacrificare anche l'accesso ad internet del computer del genitore.

Claudio Schirru

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog