Portobello: apre l’emporio anticrisi di Modena, dove non si paga con i soldi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Portobello, il supermercato anticrisi dove non si paga con i soldi ma con il volontariato, sta per aprire le porte. Mancano ormai pochi giorni alla sua inaugurazione, che si terrà venerdì 28 giugno a Modena, in via Divisione Acqui, 81. Il progetto, realizzato dal Centro servizi per il volontariato di Modena con la collaborazione dei servizi sociali del Comune di Modena, nasce con l’obiettivo di dare risposta concreta ai bisogni delle famiglie in difficoltà.

Sabato 29, dalle ore 9, le prime 30 famiglie già riconosciute nel percorso varcheranno la soglia, ma si prevede, secondo Modena Today, di arrivare a 100 nuclei familiari per la fine dell’anno. Per accedere all’emporio e ottenere la tessera a punti, infatti, bisogna essere in possesso di alcuni requisiti, come vivere in affitto e avere un contratto di locazione, essere proprietario di un’unica proprietà immobiliare, quella in cui si vive, avere un reddito familiare ai fini Irpef non inferiore a 5.422,00 euro, avere un ISEE non superiore a 10.000 euro.

Per i cittadini stranieri, vale il regolare permesso di soggiorno o carta di soggiorno, o aver presentato domanda di rinnovo-emersione. È così che i gruppi famigliari in difficoltà economica potranno accedere ai prodotti di Portobello e sceglierli sugli scaffali, dove sono esposti con un punteggio che viene scalato dalla quota complessiva a cui ciascun cliente ha diritto, secondo necessità. In cambio, viene richiesto solo un impegno nel volontariato, sia in una delle associazioni appartenenti alla rete che nella gestione del dell’emporio.

Come accedere. Per accedere a Portobello occorre rivolgersi ai Servizi Sociali della Circoscrizione in base alla propria residenza anagrafica. Qui sarà possibile ricevere informazioni, presentare la domanda e verificare la sussistenza dei requisiti di accesso. Per tutte le informazioni relative alle modalità di accesso e ai componenti della rete è possibile visitare il sito web di Portobello.

Roberta Ragni

LEGGI anche:

Emporio Portobello: il supermercato per i disoccupati di Modena. Spesa gratis in cambio di lavoro

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook