A casa di Jose Mujica, il presidente “povero” che tutti vorrebbero avere

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Jose Mujica è il presidente che tutti vorrebbero avere (e di cui noi italiani avremmo davvero bisogno). Consacrato dalla stampa come il Presidente più povero del mondo, l’uruguaiano Jose Mujica, detto “Pepe”, come vi avevamo già raccontato, è diventato famoso per aver rinunciato ad agi e lusso, donando ai poveri il 90% del suo stipendio statale e facendo dormire nella dimora presidenziale i senzatetto.

Per vivere lui si è scelto una modestissima fattoria, dove coltiva l’orto e conduce una vita semplice insieme a sua moglie, la senatrice Lucía Topolansky, e ai suoi cani. È qui che ha concesso un’intervista all’agenzia di stampa spagnola Efe. Situata a 10 chilometri da Montevideo, in una zona rurale dove si sente solo il cinguettio degli uccelli, la casa del Presidente si distingue solo per pareti con intonaco cadente, tetti di lamiera verde e galline che svolazzano vicino ai panni stesi al vento.

Il mio stile di vita è una conseguenza del processo della mia vita. Ho combattuto per quanto è possibile per l’uguaglianza e la parità di uomini”, dice pensieroso questo ex-guerrigliero che ha trascorso quattordici anni di carcere, per lo più durante la dittatura (1973 -1985).

jose mujica 3

Per Mujica, “il mondo è un prigioniero della odierna cultura della società dei consumi e di ciò che sta consumando è vita umana in quantità enormi, perché ha perso la capacità di godere del tempo e dimenticato idea che essere vivi è un miracolo. La gente non compra con il denaro, compra con il tempo che spende per ottenere quei soldi. Non si può sperperare questo tempo che viene rubato alla vita”, sostiene il presidente, che presiede un paese di 3,3 milioni di abitanti e che a livello turistico si pubblicizza come il paradiso della natura e della tranquillità.

Con abiti e scarpe sportive, Mujica chiarisce che il suo non è un appello a “povertà e miseria” ma alla “sobrietà” della vita. E se si vuole cercare di trovargli un difetto, come quello di possedere un IPad, il presidente spiega che ha dovuto iniziare a usarlo per leggere i giornali prima di passare alla Torre Ejecutiva, la sede governativa al centro di Montevideo, perché nel quartiere dove vive con altre tre famiglie, e dove la sua fidata cagnetta Manuela sopravvive ai suoi acciacchi, nonostante i 18 anni di vita, la stampa cartacea non arriva.

casa mujica

Il presidente racconta anche di “non avere tempo” per i lavori nei campi e chiarisce che appena concluderà il suo mandato riprenderà a coltivare. Il cibo, per adesso, oltre a quello prodotto da un piccolo orto, viene acquistata nelle vicinanze con la moglie Lucia. Ma è d’obbligo cucinare da sé: “Cuciniamo noi. Oggi a pranzo, se non cucino io non mangerò”, dice Mujica, che per l’occasione preparerà il suo piatto preferito, carne di manzo con cipolla, anzi “con un sacco di cipolla tritata“. E le casse dello Stato sentitamente ringraziano…

Roberta Ragni

Fonte e foto

LEGGI anche:

Jose Mujica, il presidente dell’Uruguay che dona ai poveri il 90% del suo stipendio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook